domenica 22 gennaio | 14:13
pubblicato il 24/gen/2011 20:45

Bondi/ Mozioni sfiducia da Pd-Terzo polo, ma si profila rinvio

Domani decide capigruppo su richiesta Udc

Bondi/ Mozioni sfiducia da Pd-Terzo polo, ma si profila rinvio

Roma, 24 gen. (askanews) - Inizia in aula alla Camera la discussione generale sulle mozioni di sfiducia al ministro dei Beni culturali, Sandro Bondi, presentate da Pd e Terzo polo. Ma il voto potrebbe essere rinviato rispetto alla data inizialmente prevista di giovedì. Quel giorno, infatti, il Consiglio d'Europa voterà le mozioni contro le persecuzioni dei cristiani, voto al quale parteciperanno anche alcuni deputati italiani, anche della maggioranza. Ed è per questo che domani la conferenza dei capigruppo potrebbe decidere per il rinvio, su richiesta dell'Udc. La mozione di sfiducia a Bondi è contro le politiche del governo sulla cultura, ha spiegato l'Udc Enzo Carra: "Il modo migliore di custodire il patrimonio italiano non è quello attuato dal suo ministero", ha detto rivolgendosi al ministro, e ha aggiunto: "Abbiamo atteso le sue dimissioni e non le abbiamo avute, non prenda questa iniziativa come un insulto alla sua persona". "Siamo arrivati all'anticamera della decadenza culturale e civile. Solo il ministro Bondi sembra non accorgersene", ha fatto eco il centrista Renzo Lusetti, ricordando che il Terzo polo ha avanzato "cinque proposte per il rilancio e la conservazione del nostro patrimonio, a quanto pare nessuna di queste è stata presa in considerazione". "Noi vogliamo sfiduciarla non per quello che ha fatto, ma per ciò che non ha fatto - ha concluso Lusetti - perché un paese che non investe nella memoria storica è un paese che non crede nelle nuove generazioni". Anche Giovanna Melandri, presentando la mozione contro Bondi presentata dal Pd, ha spiegato che l'opposizione chiede le dimissioni "non di un uomo ma di una politica". "Idv sosterrà le due mozioni che sono state presentate per chiedere le dimissioni del ministro dei mali culturali Sandro Bondi", ha spiegato il dipietrista Antonio Borghesi, sottolineando che "l'operato del ministro è stato a dir poco disastroso. Non solo per la responsabilità che gli si è attribuita per i ripetuti crolli del sito archeologico di Pompei, ma anche per l'uso familistico che Bondi ha fatto del suo ministero (distribuendo soldi a sindaci amici e parenti). Per non parlare, poi, della sciagurata gestione dei fondi alla cultura, che ha portato, tra l'altro, al dimezzamento del fondo unico per lo spettacolo con il rischio di far chiudere molti enti lirici italiani".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4