domenica 04 dicembre | 00:45
pubblicato il 05/dic/2013 12:00

Boldrini: subito nuova l.elettorale, è un dovere dopo Consulta

Sentenza non intacca legittimità del Parlamento

Boldrini: subito nuova l.elettorale, è un dovere dopo Consulta

Roma, 5 dic. (askanews) - Dopo la pronuncia della Corte costituzionale "va approvata al più presto una nuova legge elettorale". Lo ha sottolineato la presidente della Camera, Laura Boldrini. "L'importante pronuncia della Corte Costituzionale, che non intacca in alcun modo - ha spiegato in una nota Boldrini - la legittimità né del Parlamento né degli altri organi costituzionali, rappresenta un forte sprone al Parlamento: va approvata al più presto una nuova legge elettorale che sostituisca quella votata nel 2005 e sulla base della quale le Camere sono state rinnovate per ben tre volte (2006, 2008, 2013)". "Ora che i giudici costituzionali hanno parlato - e le loro motivazioni andranno lette con la massima attenzione, prima di trarre conclusioni affrettate - il dovere di cambiare la legge elettorale si fa ancora più pressante", ha concluso la presidente dlela Camera.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari