venerdì 02 dicembre | 21:11
pubblicato il 27/apr/2016 19:13

Boldrini: risposta Austria su rifugiati è sbagliata, ci ripensi

L'Europa prenda un'iniziativa forte per far rispettare gli obblighi

Boldrini: risposta Austria su rifugiati è sbagliata, ci ripensi

Roma, 27 apr. (askanews) - "E' sicuramente molto preoccupante e non credo sia la risposta giusta al transito dei richiedenti asilo e dei rifugiati, anzi è la più sbagliata. Mi auguro ci sia un ripensamento delle autorità austriache". Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, ha commentato la decisione del governo austriaco di costruire un muro al confine del Brennero per fermare il passaggio dei migranti dall'Italia.

Boldrini chiede anche all'Europa di assumere un'iniziativa "netta con proposte e meccanismi per far rispettare a tutti i paesi gli obblighi presi sul tema" perchè "questa è una strada che divide, è alzare bandiera bianca per l'Europa".

"Mi auguro che l'Austria riconsideri la sua decisione che tra l'altro sembra essere infondata visto che non ci sono numeri che giustificano la costruzione di barriere", ha concluso Boldrini.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari