mercoledì 07 dicembre | 13:29
pubblicato il 06/nov/2013 12:00

Boldrini e Questori: mai così grande riduzione spese Camera

Soddisfazione per "grande cambiamento", tagliati costi per 50 mln

Boldrini e Questori: mai così grande riduzione spese Camera

Milano, 6 nov. (askanews) - La presidenza della Camera e il Collegio dei Questori hanno espresso la propria soddisfazione per l'approvazione dei documenti di bilancio per il 2013-2015. "Mai prima d'ora infatti - si legge in una nota - era stato messo in atto un programma così strutturato e consistente di cambiamento e di riduzione della spesa: la richiesta di risorse al bilancio dello Stato - e quindi ai cittadini - è stata ridotta di 50 milioni di euro per ciascuno dei tre anni; è la prima volta da 53 anni che la dotazione della Camera scende. Tra i provvedimenti, la restituzione di 10 milioni di euro al bilancio dello Stato, derivanti dai risparmi realizzati nei precedenti esercizi. Sono stati disposti, si legge nella nota, "interventi incisivi per ridurre i costi della Camera", in particolare: ai deputati titolari di cariche interne è stata ridotta l'indennità del 30 per cento; le spese per le loro segreterie sono state ridotte del 25 per cento; sono state dimezzate le spese di rappresentanza, che sono state assoggettate a rigorosi obblighi di rendicontazione". "Sono stati aboliti gli appartamenti di servizio. Anche grazie a questa decisione, sono stati recuperati più di 100 uffici per i deputati, nell'ambito di un processo di razionalizzazione degli spazi e di riduzione degli oneri per i contratti di locazione"; "sono state introdotte ulteriori misure di risparmio e di razionalizzazione nella gestione del parco auto, organizzato secondo standard ben al di sotto di quelli previsti per ogni altra pubblica amministrazione; il contributo per il funzionamento dei Gruppi parlamentari è stato ridotto di 3 milioni annui a regime; sono state ridotte le indennità di funzione del personale dipendente in misura variabile dal 30 al 70 per cento, in modo da incidere maggiormente su quelle più alte. Anche in questo caso, si tratta di una misura mai adottata in precedenza". E' stato avviato inoltre "in sede di contrattazione sindacale, con la piena collaborazione dell'Amministrazione, un programma di contenimento delle dinamiche retributive, che continuerà sulla base degli indirizzi già approvati dall'Ufficio di Presidenza. Ciò è avvenuto e avverrà nel rispetto dei diritti maturati: ogni diversa azione avrebbe solo carattere demagogico dal momento che, piuttosto che comportare risparmi reali, produrrebbe infiniti e costosi contenziosi, tali da bloccare ogni processo di riforma"; "la Camera, unico tra gli organi costituzionali, ha pubblicato sul proprio sito internet i dati completi delle retribuzioni di tutti i dipendenti e i curricula dei propri dirigenti"; "è stata garantita - conclude la note - l'autonomia e l'indipendenza dell'Amministrazione rispetto alla politica, respingendo proposte ispirate ad una logica di spoil system, del tutto estranea alle caratteristiche di un'amministrazione parlamentare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi vuole dalla direzione l'ok del Pd a elezioni anticipate
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
Governo
Bersani: Renzi vuole voto? Non si vince sulle macerie del Paese
Governo
Chi tifa e chi no per elezioni dopo il no alla riforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Astronomia, materia oscura meno densa e più diluita nello spazio
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni