martedì 24 gennaio | 10:25
pubblicato il 06/nov/2013 12:00

Boldrini e Questori: mai così grande riduzione spese Camera

Soddisfazione per "grande cambiamento", tagliati costi per 50 mln

Boldrini e Questori: mai così grande riduzione spese Camera

Milano, 6 nov. (askanews) - La presidenza della Camera e il Collegio dei Questori hanno espresso la propria soddisfazione per l'approvazione dei documenti di bilancio per il 2013-2015. "Mai prima d'ora infatti - si legge in una nota - era stato messo in atto un programma così strutturato e consistente di cambiamento e di riduzione della spesa: la richiesta di risorse al bilancio dello Stato - e quindi ai cittadini - è stata ridotta di 50 milioni di euro per ciascuno dei tre anni; è la prima volta da 53 anni che la dotazione della Camera scende. Tra i provvedimenti, la restituzione di 10 milioni di euro al bilancio dello Stato, derivanti dai risparmi realizzati nei precedenti esercizi. Sono stati disposti, si legge nella nota, "interventi incisivi per ridurre i costi della Camera", in particolare: ai deputati titolari di cariche interne è stata ridotta l'indennità del 30 per cento; le spese per le loro segreterie sono state ridotte del 25 per cento; sono state dimezzate le spese di rappresentanza, che sono state assoggettate a rigorosi obblighi di rendicontazione". "Sono stati aboliti gli appartamenti di servizio. Anche grazie a questa decisione, sono stati recuperati più di 100 uffici per i deputati, nell'ambito di un processo di razionalizzazione degli spazi e di riduzione degli oneri per i contratti di locazione"; "sono state introdotte ulteriori misure di risparmio e di razionalizzazione nella gestione del parco auto, organizzato secondo standard ben al di sotto di quelli previsti per ogni altra pubblica amministrazione; il contributo per il funzionamento dei Gruppi parlamentari è stato ridotto di 3 milioni annui a regime; sono state ridotte le indennità di funzione del personale dipendente in misura variabile dal 30 al 70 per cento, in modo da incidere maggiormente su quelle più alte. Anche in questo caso, si tratta di una misura mai adottata in precedenza". E' stato avviato inoltre "in sede di contrattazione sindacale, con la piena collaborazione dell'Amministrazione, un programma di contenimento delle dinamiche retributive, che continuerà sulla base degli indirizzi già approvati dall'Ufficio di Presidenza. Ciò è avvenuto e avverrà nel rispetto dei diritti maturati: ogni diversa azione avrebbe solo carattere demagogico dal momento che, piuttosto che comportare risparmi reali, produrrebbe infiniti e costosi contenziosi, tali da bloccare ogni processo di riforma"; "la Camera, unico tra gli organi costituzionali, ha pubblicato sul proprio sito internet i dati completi delle retribuzioni di tutti i dipendenti e i curricula dei propri dirigenti"; "è stata garantita - conclude la note - l'autonomia e l'indipendenza dell'Amministrazione rispetto alla politica, respingendo proposte ispirate ad una logica di spoil system, del tutto estranea alle caratteristiche di un'amministrazione parlamentare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4