domenica 04 dicembre | 21:52
pubblicato il 07/ott/2014 13:16

Boldrini: con austerità non si va lontano, ora nuove strategie

Bisogna rilanciare investimenti e ridare fiducia

Boldrini: con austerità non si va lontano, ora nuove strategie

Roma, 7 ott. (askanews) - "La crisi finanziaria ha rallentato la crescita nei paesi emergenti, si può uscire dalla crisi solo con strategie innovative e coordinate. Quelle strategie che ancora faticano ad emergere in Ue". Lo ha detto la presidente della Camera Laura Boldrini, nel suo intervento all'apertura dei lavori dell'Asep (Asia-Europe Parliamentary partnership meeting).

Boldrini ha richiamato le parole del premio Nobel Stigliz: "Il principale problema dell'Europa non sono le difficoltà dei singoli Paesi, ma l'incapacità da parte dell'Unione nel suo complesso a concordare incisive riforme strutturali capaci di fare dell'Europa un centro propulsore. Con misure di austerità applicate ai singoli Paesi non si va lontano se accanto al rigore non si rilanciano gli investimenti e non si ridà fiducia destinando risorse per lo sviluppo del capitale umano dei nostri Paesi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari