sabato 25 febbraio | 07:45
pubblicato il 26/set/2014 12:58

Boldrini: articolo 18 non e' questione cruciale per il cambiamento

"Non togliere i diritti a chi ancora ce li ha" (ASCA) - Roma, 26 set 2014 - L'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori "non e' una questione cruciale per il cambiamento". Lo ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini, incontrando i giornalisti della stampa estera.

"In questo anno e mezzo - ha raccontato la terza carica dello Stato - ho incontrato tanti imprenditori che avevano una lunga lista di lamentele: troppe tasse, poco accesso al credito, troppa burocrazia... Raramente ho sentito qualcuno dire che il suo problema fosse l'articolo 18".

"Se gli imprenditori stranieri non investono in Italia - ha proseguito Boldrini - non e' per l'articolo 18 anche perche' il reintegro esiste in molti paesi europei. Si tratta solo di una bandiera. Se il problema non e' per gli imprenditori per chi e'? Non bisogna togliere i diritti a chi ancora ce li ha. Per fare crescita ci sono altre misure".

Luc/Ral

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech