sabato 03 dicembre | 19:24
pubblicato il 27/dic/2011 20:59

Bocca/ In centinaia per l'addio al "Partigiano della parola"

Eco: "Un vecchio montanaro che non la mandava a dire"

Bocca/ In centinaia per l'addio al "Partigiano della parola"

Milano, 27 dic. (askanews) - Erano stati annunciati come funerali in forma privata ma si sono presentati in centinaia, tra colleghi, familiari e semplici cittadini-lettori; hanno gremito la Basilica di San Vittore al corpo, a Milano, per l'ultimo saluto a uno dei grandi del giornalismo italiano, Giorgio Bocca, scomparso il giorno di Natale. "Un partigiano della parola" è stato definito il cronista piemontese durante l'omelia pronunciata da don Roberto Vignola; e da partigiano, sulle note di una spontanea "Bella ciao", è stato salutato al termine della cerimonia, quando il carro funebre ha lasciato il sagrato in direzione di La Salle, in val D'Aosta, dove verranno tumulati i suoi resti, dopo la cremazione. "Era un vecchio montanaro che non le mandava a dire a nessuno". A ricordarlo così Umberto Eco, che lo ha descritto come un "personaggio sempre incazzato e non certo conciliante. Credo che questo ai giovani che accusano i vecchi di essere sempre concilianti - ha osservato lo scrittore - facesse un certo effetto". In una basilica affollata da giornalisti, tra cui molti della vecchia guardia, ha preso la parola per un breve omaggio Natalia Aspesi: "In ogni giornale, in ogni sito Internet, basta un Giorgio Bocca per dargli dignità e potenza", ha detto la scrittrice e cronista, che ha parlato del suo "giornalismo unico, che noi colleghi abbiamo cercato non dico di imitare, ma di studiare", un esempio per un giornalismo che è cambiato e che ha sempre più bisogno di giornalisti "più attenti e meno servili". Poco prima, ha parlato nella chiesa anche l'ex editor di Mondadori Marco Vigevani, che ha sottolineato non solo la capacità giornalistica di Bocca, con i suoi libri scritti con cadenza annuale, di "fotografare l'attuale", ma anche la sua vena letteraria, capace di "fotografare l'invisibile". Oltre a diverse firme del giornalismo italiano, come Ferruccio De Bortoli, Mario Cervi, Gad Lerner, Gianantonio Stella, Marco Travaglio, Ezio Mauro, Massimo Fini, Daria Bignardi anche i magistrati Giancarlo Caselli e Francesco Greco hanno voluto rendere omaggio a Bocca. Per Giulio Anselmi, presidente dell'Ansa e della Fieg, Bocca è stato "uno dei grandi giornalisti di questi decenni: era un uomo di coraggio, dal carattere fermo e deciso e di grande intelligenza. Lo leggevo da ragazzo e poi l'ho ritrovato all'Espresso quando sono arrivato come direttore". Giancarlo Caselli ha invece ricordato "l'intervista, fondamentale e bellissima, al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, del 10 agosto '82. E' un'intervista fondamentale che uso quasi come testo scolastico in tutte le scuole dove vado a parlare di mafia".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Riforme
Referendum, Grillo: Paese spaccato, vincere o perdere è uguale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari