sabato 03 dicembre | 01:57
pubblicato il 15/set/2011 12:31

Bnl-Unipol/Palamara:Chiedere imputazione coatta è prerogativa Gip

Richiesta fatta al pm su Berlusconi è suo diritto

Bnl-Unipol/Palamara:Chiedere imputazione coatta è prerogativa Gip

Roma, 15 set. (askanews) - Il presidente dell'Anm, Luca Palamara, di fatto difende l'operato del Gip di Milano che ha chiesto l'imputazione coatta di Silvio Berlusconi per le intercettazioni Unipol-Bnl. Ai microfoni di SkyTg24, infatti, Palamara ha spiegato "tecnicamente" e "senza entrare nel merito della questione"che "in Italia la Costituzione dice che l'azione penale spetta al pm, ma dice anche che c'è un momento di controllo, affidato dal codice al Gip. L'articolo 409 del codice di procedura penale - ha quindi concluso Palamara - permette al giudice di chiedere al pm di fare la cosiddetta imputazione coatta".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari