domenica 04 dicembre | 11:51
pubblicato il 04/giu/2013 19:22

Bnl-Unipol: O.Napoli(Pdl), peccato per Berlusconi non essere giornalista

(ASCA) - Roma, 4 giu - ''Lo stesso giorno del folle verdetto di condanna contro il presidente Berlusconi per la diffusione delle intercettazioni relative al caso Bnl-Unipol, riprende alla Camera l'esame del ddl che abroga una legge del '48 nella quale c'e' la previsione finanche del carcere per i giornalisti nei casi di diffamazione a mezzo stampa''. Lo dichiara in una nota Osvaldo Napoli, esponente del PdL.

''L'Italia e' Paese di atroci paradossi. Intorno a Berlusconi, una parte della magistratura ha deciso di confezionarne un certo numero. La sentenza del tribunale di Milano sulla vicenda Bnl-Unipol ha colpito Berlusconi, vittima da anni di rivelazioni d'ufficio e intercettato come mai nessun uomo politico, facendone addirittura un carnefice.

E' l'Italia, signori! Peccato per Berlusconi non essere stato iscritto all'ordine dei giornalisti. L'avrebbe scampata senza colpo ferire'', conclude Napoli.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari