domenica 04 dicembre | 05:45
pubblicato il 21/ott/2015 13:16

Blog Grillo: #dittatuRai, Renzi-Bomba si prende tutto

"Riforma è Gasparri bis targata Pd"

Blog Grillo: #dittatuRai, Renzi-Bomba si prende tutto

Roma, 21 ott. (askanews) - Il blog di Beppe Grillo in un post a firma dei deputati Cinque stelle Roberto Fico, Dalila Nesci, Mirella Liuzzi e Simone Valente, lancia l'hashtag #dittaturai per protestare contro la riforma della Rai, una "Gasparri bis targata Pd" e per attaccare il premier Matteo Renzi, denunciando che "gli uomini del Bomba si prendono tutto".

"Hanno fatto credere ai cittadini di voler allontanare la politica dalla Rai - scrivono i parlamentari M5S - ma alla prova dei fatti, il risultato è esattamente il contrario. E' il modo di operare di questo governo. Nulla cambierà per il servizio pubblico con la riforma della governance Rai voluta dal premier. Anzi si peggiora ulteriormente. Non era questa la legge di cui aveva bisogno la televisione pubblica per emanciparsi una volta per tutte dalla presenza dei partiti. Non era questa la legge che serviva al Paese".

"Gli uomini del Bomba si prendono tutto - attaccano i Cinquestelle sul blog di Beppe Grillo - il presidente del Consiglio ha bisogno della televisione. Ha fatto in modo di eleggere nel Cda personaggi come il suo ex spin doctor e l'assistente di un parlamentare del proprio partito; ha posizionato ai vertici della tv pubblica come direttore generale uno degli animatori della propria convention, la Leopolda; e ora si appresta ad accentuare il peso del governo in Rai. Il suo disegno e chiarissimo e va visto in una prospettiva piu ampia che abbraccia la riforma costituzionale e la legge elettorale. Un filo rosso lega i tre provvedimenti: sono i tasselli di una nuova forma di concezione del potere che tenta di comprimere oltre ogni limite il principio pluralistico".

I 5 stelle concludono: "Il progetto del premier prevede inoltre l'ampliamento dei poteri del nuovo direttore generale Campo Dall'Orto. Gli è stata promessa carta bianca e così, come d'incanto, il direttore generale diventerà amministratore delegato. Tutto deve essere fatto a stretto giro. Con una campagna elettorale alle porte, con il ritorno alle urne in alcune delle principali città italiane, bisogna organizzarsi per tempo. L'interesse da tutelare non è quello dei cittadini, ma quello dei partiti. L'obiettivo non è contribuire a rendere il servizio pubblico il principale alleato dei cittadini assicurando programmazione di qualità, informazione indipendente e pluralismo di voci e opinioni, ma garantire l'ufficio di propaganda del governo per plasmare il racconto del paese secondo il gradimento del premier. Nell'Italia a 5 Stelle la televisione pubblica farà solo gli interessi degli italiani. E' solo una questione di tempo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari