sabato 03 dicembre | 17:09
pubblicato il 09/feb/2011 19:45

Biotestamento/ Polemica tra partiti in anniversario morte Eluana

Governo celebra Giornata su stati vegetativi, critici Pd e Idv

Biotestamento/ Polemica tra partiti in anniversario morte Eluana

Roma, 9 feb. (askanews) - E' ancora polemica, ed è ancora polemica tra schieramenti. A pochi giorni dal previsto avvio in aula della discussione sul testamento biologico, il 21 febbraio, il Governo commemora la morte di Eluana Englaro, due anni fa, con una giornata dedicata agli stati vegetativi. Protestano Pd e Idv. "E' una data simbolica nella sua tragicità", afferma il ministro della Salute Ferruccio Fazio nel convegno mattutino dedicato all'iniziativa. "Il valore della vita si difende anche proteggendo le condizioni di estrema fragilità in cui l'individuo può trovarsi", afferma il responsabile del Welfare Maurizio Sacconi. La sottosegretaria alla Salute Eugenia Roccella sottolinea che per l'assistenza alle famiglie con malati in una condizione di stato vegetativo "è fondamentale la collaborazione con le Regioni, perché i fondi ci sono e sono nel fondo sanitario nazionale come fondi vincolati". Ribatte Ignazio Marino (Pd), secondo il quale "nei livelli essenziali di assistenza (Lea) non si menziona affatto il sostegno domiciliare ai pazienti in stato vegetativo permanente ma solo quello ai malati terminali". Più in generale, sono diverse le voci dell'opposizione critiche sulla scelta dell'anniversario di Eluana Englaro per la Giornata degli stati vegetativi. "E' servita per rialzare le barricate tra il partito della vita e il partito della morte", afferma Margherita Miotto (Pd) E' una "provocazione" per Stefano Pedica dell'Idv e il suo collega di partito Antonio Palagiano promette: "L'Idv presenterà migliaia di emendamenti, alzerà barricate e bloccherà il parlamento, per impedire l'approvazione di un testo bigotto e liberticida". Dal mondo politico si levano anche proposte più meditate. Dorina Bianchi (Udc) afferma: "Troppe polemiche improduttive: non importa quando si decide di celebrarla, una Giornata nazionale sugli stati vegetativi ha senso soltanto se utile a mettere a fuoco i problemi concreti con cui devono fare i conti quotidianamente le famiglie con un malato in stato vegetativo". E il 'dissidente' del Pdl Giuseppe Saro, friulano come il papà di Eluana Englaro, Beppino, interviene alla presentazione del libro 'Gli ultimi giorni di Eluana', organizzato alla Camera dall'associazione Luca Coscioni, e afferma: Nel nostro elettorato c'è una parte consistente che la pensa come me. E molti parlamentari del Pdl sono contrari a questa legge sul biotestamento e che la pensano come me, ma che non hanno il coraggio di dirlo fino in fondo. Spero che si riprenda il dialogo ma bisognerebbe depoliticizzare lo scontro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari