mercoledì 22 febbraio | 03:29
pubblicato il 26/nov/2011 12:13

Bioetica/Papa: Promuovere sempre vita in ogni stadio e condizione

"Riconoscere dignità di ogni essere vivente, in qualunque stato"

Bioetica/Papa: Promuovere sempre vita in ogni stadio e condizione

Roma, 26 nov. (askanews) - Per papa Benedetto XVI, che oggi ha ricevuto i partecipanti alla conferenza del Pontificio Consiglio per gli Operatori sanitari, occorre "custodire e a promuovere la vita, in qualunque stadio e in qualsiasi condizione si trovi, riconoscendo la dignità e il valore di ogni singolo essere umano". "Il servizio di accompagnamento, di vicinanza e di cura ai fratelli ammalati, soli, provati spesso da ferite non solo fisiche, ma anche spirituali e morali - ha detto il Papa ai partecipanti alla conferenza internazionale, dedicata al tema 'La pastorale sanitaria a servizio della vita alla luce del magistero del beato Giovanni Paolo II' - vi pone in una posizione privilegiata per testimoniare l'azione salvifica di Dio, il suo amore per l'uomo e per il mondo, che abbraccia anche le situazioni piu' dolorose e terribili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia