lunedì 23 gennaio | 05:26
pubblicato il 09/giu/2016 20:46

Bersaniani Pd contro "lanciafiamme" Renzi: il 24 meeting a Roma

"Vogliamo lanciare un Pd diverso, a partire dalle politiche economiche"

Bersaniani Pd contro "lanciafiamme" Renzi: il 24 meeting a Roma

Roma, 9 giu. (askanews) - "Renzi è il segretario da tre anni: contro chi lo userà il lanciafiamme? Contro la sua segreteria?". Perchè la frase usata ieri da Matteo Renzi non è ovviamente andata giù alla minoranza che fa capo a Pierluigi Bersaniani. L'analisi non cambia: "Va ripensata l'idea di partito, e va cambiata anche l'azione di governo". E questi saranno i temi che l'area Dem che si riunisce intorno all'ex segretario e al prossimo sfidante per la segreteria, Roberto Speranza, cercherà di sviluppare in un'assemblea convocata per dopo i ballottaggi. L'appuntamento è per venerdì 24, sicuramente a Roma, forse direttamente al Nazareno: lì si riuniranno dirigenti e amministratori locali dell'area bersaniana, con l'invito esteso anche a Gianni Cuperlo che oggi, sempre sul lanciafiamme renziano, ha fatto presente che anche su Wikipedia si precisa che l'arma è in disuso "perchè più pericolosa per chi la usa".

I temi di politica economica sono stati già affrontati ieri in una riunione al Nens, il centrostudi di Bersani e Visco. E puntano a incidere sulla prossima legge di Stabilità, "perchè lì si capisce a chi vuole parlare il Pd: a chi ha più bisogno, o si continua su una strada che qualche voto ce lo ha fatto anche perdere?", spiega un bersaniano doc. E allora si parte con "il reddito di cittadinanza, un intervento sulle pensioni minime, e investimenti pubblici per creare lavoro, visto che il settore privato da solo non basta: la ripresa è più lenta di quello che si aspettava".

E poi c'è l'assetto del partito, che deve essere "strutturato in maniera diversa sui territori", ma che soprattutto ha bisogna di una "cura" più attenta di quella dedicatagli da Renzi: "Non te la puoi cavare con due vicesegretari, insistiamo nel porre il tema del doppio ruolo". E di conseguenza, la candidatura di Speranza al congresso riguarderà solo la segreteria. Per la premiership ci sarà tempo. Ovvio, "la segreteria non può essere ostile al governo, ma neanche può essere appiattita e piegata su di esso", spiega un parlamentare. Convinto che il tema inizi a fare breccia anche tra i renziani.

Insomma, "vogliamo offrire un'idea di Pd diversa da quella di Renzi", perchè "finchè la destra è divisa puoi fare i giochetti, ma quando si ricompatta come a Milano le cose possono cambaire. E nel frattempo hai perso un pezzo dei tuoi elettori", spiegano dalla minoranza. Sapendo che la piega della convention del 24 "dipende da come andranno i ballottaggi", e che soprattutto "se al referendum passerà il sì Renzi si rafforzerà parecchio". E il congresso, ammette un deputato della minoranza, "sarebbe una pura formalità".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4