venerdì 24 febbraio | 23:45
pubblicato il 04/mar/2015 21:09

Bersaniani insistono su riforme, ma battaglia sarà su Italicum

D'Attorre: Renzi cambi visto che non c'è più il Nazareno

Bersaniani insistono su riforme, ma battaglia sarà su Italicum

Roma, 4 mar. (askanews) - Pier Luigi Bersani e i suoi nei prossimi giorni torneranno a farsi sentire sulle riforme, l'ex segretario e la parte più battagliera della minoranza incalzeranno Matteo Renzi alla vigilia del voto finale della Camera sulla riforma costituzionale, ma non dovrebbero esserci strappi. In parte, perché la decisione di Fi di essere presente in aula, sia pure votando no, sdrammatizza l'Aventino delle scorse settimane. Ma, soprattutto, perché "la vera partita", come dice più di un dissidente Pd, sarà "sulla legge elettorale". Una linea che non piace a Pippo Civati, che si augura invece che "Bersani vada fino in fondo sulle riforme".

Alfredo D'Attorre, uno degli uomini più vicini all'ex segretario, spiega: "In queste ore si rafforzerà un appello a Renzi perché dia un segnale politico di riapertura del confronto sulle riforme, sia costituzionale che elettorale, sia nel Pd che con le altre forze di opposizione". Se il patto del Nazareno non c'è più, è il ragionamento, non c'è motivo per dire che non si può cambiare niente: "La posizione dell'intangibilità delle riforme rischia di essere un macigno sulla strada delle riforme. E non si capirebbe perché ciò che è stato fatto in virtà del patto del Nazareno viene ritenuto intangibile ora che l'accordo non c'è più".

Ma, come spiega Davide Zoggia, bisogna rileggere bene le parole pronunciate da Bersani nell'intervista dello scorso sabato ad Avvenire, il problema è nel "combinato disposto" legge elettorale-riforma costituzionale. E sulla revisione della Costituzione ormai i margini sono praticamente esauriti, perché gli emendamenti sono stati votati e a questo punto si tratta solo di dire sì o no. Per questo, dice Zoggia, "la partita vera è la legge elettorale, lì giocheremo le nostre carte, a cominciare dal tema dei capilista bloccati". E su quel tema la minoranza Pd potrà cercare sponde anche in qualche partito di opposizione, a cominciare da Sel: "La legge elettorale non 'del Pd', su questo se si trovano consensi...".

Del resto, Bersani ha avuto modo ieri di parlare di queste questioni anche con Roberto Speranza, il capogruppo che guida l'ala più dialogante della minoranza e che oggi ha definito una "ottima notizia" la decisione di Fi di partecipare alle votazioni. La scelta di tentare barricate sulle riforme non troverebbe nemmeno un sostegno compatto del resto della minoranza, mentre diverso è il discorso sulla legge elettorale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech