martedì 06 dicembre | 14:03
pubblicato il 26/apr/2015 12:38

Bersani: Renzi fa pressioni indebite al Parlamento su Italicum

Se pone fiducia i deputati Pd votino liberamente secondo coscienza

Roma, 26 apr. (askanews) - "Non siamo un partito che ha un padrone. Su temi come questi non può esserci un meccanismo né di disciplina di partito né di corrente. Ogni parlamentare dovrà prendersi singolarmente la sua responsabilità". Alla vigilia dell'approdo dell'Italicum in aula alla Camera per l'ex segretario del Pd Pier Luigi Bersani è tornato a puntare il dito contro la determinazione del Premier-Segretario Matteo Renzi per un'approvazione defintiva senza modifiche della nuova legge elettorale, anche al prezzo di uno o più voti di fiducia sul suo Governo.

"In nessuna democrazia le Costituzioni e le leggi elettorali - ha ripetuto Bersani ancora una volta Bersani in un colloquio con "la Repubblica" le fanno i governi- e dunque non vedo quindi nessun collegamento tra la discussione che si è aperta e la vita del governo". Ne consegue che la minaccia del ricorso alla fiducia rappresenta "una pressione indebita sul Parlamento".E se fosse posta i parlamentari del Pd dovrebbero sentirsi liberi di votare secondo coscienza. "Nelle regole della nostra ditta - ha affermato- c'è scritto che di fronte a temi costituzionali ogni parlamentare deve prendersi singolarmente la sua responsabilità".

"Sulla legge elettorale - ha messo in guardia ancora una volta Bersani- non si è riusciti a chiarire bene che cosa è in gioco. Qui non si sta discutendo di un comma di una legge elettorale, ma dell'incrocio tra la legge elettorale e la riforma della Costituzione".

Quanto al rischio concreto di scissione nel Pd sull'Italicum, l'ex Segretario ha ribaditon che lui "resterà nel Pd" perchè "siamo e restiamo un partito democratico" con pluralità e libertà di voci. E non "un partito che cerca un padrone". Perchè "c'è modo e modo di gestirla questa democrazia". Ed è "chi ha la responsabilità di dirigere questo partito " che "ha il dovere di cercare la sintesi nel pluralismo, ricchezza del nostro partito". Mentre allo stato, "con un eufemismo possiamo dire che la discussione interna può essere ben migliorata".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni