martedì 06 dicembre | 15:20
pubblicato il 19/set/2011 20:17

Bersani attacca "terzismo": Partiti da riformare ma fondamentali

"Attenti, non è detto che finito Berlusconi finisca il populismo"

Bersani attacca "terzismo": Partiti da riformare ma fondamentali

Roma, 19 set. (askanews) - I partiti vanno riformati profondamente e il Pd è pronto a prendere l'iniziativa di un disegno di legge ad hoc, ma tutti, a cominciare dalle "correnti terziste", devono sapere che i partiti sono fondamentali in una democrazia solida e non "populista". Pier Luigi Bersani, chiudendo il convegno sul ruolo dei partiti e sulla Costituzione organizzato da Luciano Violante, ha rilanciato l'idea del "patriottismo costituzionale" come bussola del Pd ed è soprattutto tornato ad attaccare quanti criticano sia la destra che la sinistra, il "terzismo" appunto. "Attenzione - ha detto - non è detto che finito Berlusconi ci troveremo in una situazione senza più populismo. Non è detto che la malattia produca anche la medicina...". E il rischio che i problemi non finiscano con il termine dell'avventura politica del Cavaliere è forte perché "ora siamo in una situazione in cui tutte le vacche sono nere". E' questo, per il segretario Pd, il vero rischio che ha davanti il Paese, quello della delegittimazione dell'intera classe politica. Un fenomeno che Bersani non ha imputato anche ai limiti della politica stessa: non c'era autocritica nelle parole del segretario democratico, piuttosto la denuncia di un atteggiamento "culturale", di chi dice "via Berlusconi, ribaltiamo il tavolo, non è che tocca agli altri"; oppure, peggio ancora, "ci sono le correnti terziste, che danno un colpo a destra e un colpo a sinistra, hai visto mai che 'si aprono le acque...'". Sempre, si è sfogato, invocando "l'eccezionalità italiana. Noi le inventiamo sempre le eccezionalità, salvo poi vedere i risultati...". Oggi Bersani non ha voluto essere più preciso, ma queste considerazioni riecheggiano il malessere che da tempo si vive a largo del Nazareno di fronte alla presunta ostilità dei cosiddetti 'poteri forti': le bordate bi-partisan di Luca Corderdo di Montezemolo, la presa di distanze di un banchiere una volta 'amico' come Alessandro Profumo, la stessa freddezza di Confindustria; senza contare la linea di quotidiani come il Corriere della Sera, spesso fonte di arrabbiature per i dirigenti democratici. A fronte di queste tentazioni 'nuoviste', Bersani contrappone la 'politica', sia pure riformata e depurata delle sue storture. "La gente - ha detto il segretario Pd - vuole sapere dove la portiamo, le persone sono nei guai. E la direzione di marcia può solo venir fuori da un percorso collettivo", non da un leader che "grazie al suo carisma 'suona il piffero' e tutti gli vanno dietro. Dobbiamo discutere di cosa sia la leadership". Insomma, lo schema dell'uomo solo al comando, è il discorso di Bersani, è stato già provato e non ha funzionato: i "terzisti" non pensino di riproporre quel modello, perché "i risultati li abbiamo visti". Al modello "populista", il Pd contrappone il "patriottismo repubblicano: il populismo racconterà pure sogni, noi no! A costo di perdere ancora, non posso raccontare che gli asini volano...". Insomma, il Pd dirà agli italiani come stanno le cose, che "l'evasione fiscale va combattuta", per esempio. Anche a costo di essere impopolare. "Certamente - ha aggiunto - siamo un partito che deve cambiare, ma non siamo così vecchi da essere già un fallimento". E non c'è solo il "terzismo" nel mirino di Bersani, anche "il civismo antipolitico è un disastro per il centrosinistra. Qui il segretario Pd si è rivolto anche a compagni di partito e alleati, spiegando che "va bene anche il modello della confederazione, ma non il franchising: bisogna avocare al centro un certo numero di decisioni in alcuni casi, sennò siamo al franchising", ovvero all'anarchia. "Ci vogliono meccanismi che rendano le decisioni esigibili, anche fuori dal partito". E per ridare credibilità alla politica e ai partiti "il Pd deve mettersi all testa di una proposta di legge sui partiti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Cina: vino batte riso per prima volta nella storia
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni