mercoledì 18 gennaio | 05:17
pubblicato il 01/mar/2016 17:57

Bersani attacca Renzi: no al congresso Pd anticipato è arrogante

Con Verdini siamo diventati Casa della Libertà. Sulla situazione economica non siamo gufi ma realisti

Bersani attacca Renzi: no al congresso Pd anticipato è arrogante

Roma, 1 mar. (askanews) - Incassato un no "arrogante e tranciante" alla richiesta di anticipare il congresso Pd, la minoranza Dem non molla la presa sulla necessità di una "discussione" nel partito. Oggi parla l'ex segretario Pireluigi Bersani, che alza i toni anche in vista dell'appuntamento di Perugia (tra due weekend) dove la minoranza Pd lancerà Roberto Speranza come alternativa a Renzi.

I temi sono i soliti: il sostegno non gradito di Verdini e le questioni economiche. Sul primo punto, Bersani sostiene che "non è vero che abbiamo bisogno di Verdini come non era vero che avevamo bisogno di Berlusconi: bisogna che Renzi decida se vuol fare quello che rottama o quello che resuscita". E ironizza: "Se uno che vota la fiducia non è in maggioranza, uno che non la vota non è all'opposizione... Eccoci finalmente approdati nella casa delle libertà". Una battaglia che Bersani non vule dare per persa, anche se "devo riconoscere a Renzi una straordinaria qualità: è riuscito a cambiare le papille gustative di un bel pezzo dell'area democratica e dell'informazione. Il mondo di Verdini risulta improvvisamente commestibile". Al contrario, la sinistra Dem "sta cercando di raffigurare un Pd ospitale per un'idea di sinistra. Se non si apprezza questo sforzo vuol dire che non si sta capendo cosa sta succedendo".

Altro terreno di scontro, la "narrazione" renziana dei dati economici italiani: "Non è il caso di essere gufi" ma la comunicazione deve essere "coerente" con la "realtà" e con la percezione dei cittadini, senza "esagerare", osserva Bersani. Del resto "la crisi è arrivata al pavimento quindi non abbiamo il problema di immaginare una ulteriore discesa. Però la ripresa è problematica, ha delle difficoltà", e "la nostra comunicazione dovrebbe essere coerente con questo dato di realtà: non bisogna esagerare nelle comunicazioni, perchè poi si può misurare uno scarto tra quel che si sente e quel che si dice".

Insomma, per la minoranza Pd "ci sono dei problemi che richiederebbero una discussione. Un congresso sarebbe più utile ma cercheremo comunque di far vivere una discussione nel partito". E l'appuntamento è a Perugia, l'11, il 12 e 13 marzo, per la convention alla quale Roberto Speranza ha invitato i militanti Pd ma alla quale dovrebbero intervenire anche 'esterni', per iniziare a costruire "l'alternativa al renzismo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa