domenica 04 dicembre | 03:49
pubblicato il 30/ott/2012 21:30

Bersani a Casini: Non siate choosy su Vendola o vince populismo

Il leader democratico: si rischia di favorire Berlusconi o Grillo

Bersani a Casini: Non siate choosy su Vendola o vince populismo

Roma, 30 ott. (askanews) - Ha due facce il 'day after' del voto siciliano, per il Pd: quella pubblica della rivendicazione orgogliosa della vittoria e quella delle conversazioni 'private' fatte di letture assai più complesse e problematiche, come accaduto oggi nel colloquio a quattr'occhi tra Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini. I due si sono visti alla Camera per fare il punto sulla legge di stabilità con Pier Paolo Baretta e Gianluca Galletti, ma prima hanno avuto modo di ragionare da soli sul voto di domenica scorsa e sulle prospettive future. Ieri Casini aveva invitato esplicitamente Bersani a "tirare le somme" sull'alleanza con Sel, per il leader Nichi Vendola non può essere un compagno di strada nella prossima legislatura; Bersani, stamattina, avrebbe risposto con un ragionamento che ha sintetizzato con una delle sue battute: non essere 'choosy', qui non stiamo costruendo una coalizione, ma un fronte per fermare i populismi, vecchi e nuovi. Proprio il dato siciliano è il punto di partenza del ragionamento di Bersani: un elettore su due non ha votato e il 15% circa chi si è recato alle urne ha scelto Beppe Grillo. Complessivamente, insomma, circa il 60% dei siciliani non hanno votato per i partiti tradizionali. Lo stesso Casini, ieri, aveva detto che il dato di Grillo, proiettato su scala nazionale, equivale ad un 25%. Se si aggiunge che il centrodestra era diviso e che Musumeci e Micciché insieme avrebbero battuto Crocetta, la lezione è chiara, secondo il leader Pd: per i centristi non c'è alternativa al rapporto con i progressisti, se non vogliono che vincano i populisti "vecchi", cioé Silvio Berlusconi, o "nuovi", ovvero Grillo. Il leader democratico ha anche ricordato al leader Udc che in tante realtà italiane i "progressisti" comprendono anche Sel: è così a Genova, nelle Marche... Se in Sicilia l'accordo non c'è stato è per una scelta di Sel, non per una esclusione decisa da Pd e Udc. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari