martedì 24 gennaio | 14:13
pubblicato il 30/ott/2014 19:24

Bernardini apre congresso Radicali: anche Renzi prodotto regime

"Pur senza troppe colpe"

Bernardini apre congresso Radicali: anche Renzi prodotto regime

Roma, 30 ott. (askanews) - "Oggi il dato di regime è strutturale. E Matteo Renzi, senza troppe colpe ne è il prodotto. Sessant'anni di un sistema di comportamenti reiterati nei confronti del popolo italiano è difficile da mutare, ma possibile con un salto di qualità della nostra lotta politica, nella nostra consapevolezza e intenzionalità, nell'esercizio e nella disciplina di analisi, idee e obiettivi a cui si dà corpo e che abbiano la forza della durata e della durezza delle cose che si fanno, le quali, sono convinta, durano solo se sono dure". Lo ha affermato, fra l'altro Rita Bernardini, segretario nazionale di Radicali Italiani, aprendo a Chianciano il 13 congresso del partito.

Bernardini ha aperto la sua relazione con il ricordo di Sergio Stanzani, fondatore del Partito Radicale. E ha proseguito sottolineando il suo impegno da Segretaria "teso a ravvivare nei fatti e negli obiettivi i connotati di Radicali Italiani come membro costituente del Partito Radicale Transnazionale". Sul diritto alla conoscenza, poi, sono stati sottolineati "i risultati ottenuti dai Radicali e disattesi dalle istituzioni preposte a garantirne il rispetto". Inoltre, ha detto Bernardini, "la sostanziale esclusione degli esponenti e delle attività dei Radicali dai mezzi di comunicazione di massa perdura, nonostante i numerosi provvedimenti emanati volti a correggere questa violazione, toccando vette inaudite anche durante il Ministero di Emma Bonino".

Centrale nella sua relazione, infine la questione carceraria e della sentenza Torreggiani. "Non erano scontati - ha sottolineato la leader dei Radicali italiani- il messaggio di Napolitano alle Camere e la telefonata di incoraggiamento di Papa Francesco a Marco Pannella a questo proposito" dichiara Rita Bernardini, tuttavia i provvedimenti adottati da Governo e Parlamento non hanno portato all'amnistia e all'indulto, fondamentali per creare una situazione accettabile e guadagnare la promozione dell'Italia da parte della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4