martedì 24 gennaio | 20:56
pubblicato il 14/ago/2013 09:23

Berlusconi: Violante, incandidabile. Da Napolitano parole definitive

Berlusconi: Violante, incandidabile. Da Napolitano parole definitive

(ASCA) - Roma, 14 ago - ''Con la sua nota il presidente della Repubblica rimette nel giusto ordine tutti gli elementi di questa vicenda''. Lo afferma Luciano Violante, tra gli esperti nominati dal Capo dello Stato, in un'intervista al 'Corriere della Sera', a proposito della nota di Giorgio Napolitano sulla vicenda Berlusconi.

Il Capo dello Stato, secondo l'ex presidente della Camera, ''sancisce che non esiste automatismo fra la condanna di Silvio Berlusconi, un'eventuale crisi di governo e lo scioglimento delle Camere. Che la stabilita' e' essenziale, sia dal punto di vista sociale che economico. Che le sentenze si possono anche criticare, ma vanno rispettate. Che nelle attuali condizioni non ci puo' essere una iniziativa spontanea del capo dello Stato e che, se ci sara' una domanda di grazia, verra' esaminata con la massima cura''.

Sulla legge Severino ''il presidente della Repubblica non ha margine di intervento. La decadenza e l'incandidabilita' previste nella legge anticorruzione non sono pene, ma sono effetti della condanna, come l'iscrizione nel casellario giudiziario. In base alle leggi in vigore, l'effetto non puo' essere cancellato con un provvedimento di clemenza''.

''Il punto politico - aggiunge l'esponente del Pd - e' che l'Italia ha bisogno di un partito di destra. Ma questo partito non puo' essere carismatico, non puo' essere sottoposto alla regola 'se cade il leader cade il partito'''.

Il Pdl continuera' ad avere bisogno di Berlusconi ''ma il Pdl, lo dico con rispetto, dovrebbe trasformare questa sciagura in occasione, avviando la propria mutazione da partito carismatico a grande e autonomo partito politico europeo''.

''Ripeto che non interpreto, ma leggo. E quello che leggo e' che il presidente ha interrotto una sequenza argomentativa secondo la quale alla condanna doveva seguire un salvacondotto; in caso contrario, il ritiro dei ministri Pdl, la caduta del governo e le conseguenti elezioni anticipate.

Tutto questo non c'e' piu'. Ora - conclude Violante - si chiudano i codici e si metta in campo l'intelligenza politica''.

red-ceg/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4