martedì 28 febbraio | 16:29
pubblicato il 13/mar/2013 12:00

Berlusconi/ Vietti cuce intesa, Csm tace. Ma malumori in plenum

Due consiglieri escono, emergono riserve su posizione Quirinale

Berlusconi/ Vietti cuce intesa, Csm tace. Ma malumori in plenum

Roma, 13 mar. (askanews) - Non è andato tutto liscio al plenum del Csm stamattina, nonostante l'intesa perseguita e garantita dal vicepresidente Michele Vietti per raccogliere l'invito al silenzio di Giorgio Napolitano "per senso di responsabilità" su Silvio Berlusconi e lo scontro Pdl-magistrati a Milano. Al momento della lettura della dichiarazione di Vietti due consiglieri togati che hanno le loro radici negli uffici giudiziari milanesi sono usciti dall'aula: Enrico Carfì di Area, il cartello delle correnti di sinistra, e Giovanna Di Rosa, esponente del correntone centrista Unicost. Poi si è sfiorato l'incidente diplomatico con i 'laici' di centrodestra e con le altre correnti perché Riccardo Fuzio, capogruppo di Unicost, ha dato ai giornalisti la bozza del documento che la sua corrente aveva preparato sul tema, precisando poi che andava inteso come sua dichiarazione "a titolo personale". E' finita con una gara alle dichiarazioni individuali che ha certificato l'esistenza di un dissenso strisciante piuttosto diffuso sulla linea Napolitano-Vietti, frenato solo dal "senso di responsabilità", o forse dalla ragion di Stato. Il passaggio forse più difficile da digerire per i magistrati in Consiglio è quello più equidistante, nel quale Vietti ha fatto suo l'appello del capo dello Stato "al rispetto effettivo del ruolo e della dignità tanto della magistratura quanto delle istituzioni politiche e delle forze che le rappresentano". "Non condivido - ha spiegato Carfì ai cronisti - il richiamo al rispetto reciproco, è la magistratura a non essere rispettata". E anche sulla cadenza dei processi ha sottolineato che c'è già stato un rallentamento per la campagna elettorale: "I processi vanno celebrati", ha osservato il magistrato, dicendosi "deluso a livello personale" da Napolitano. La manifestazione del Pdl in Tribunale a Milano "è terribile", a giudizio di Di Rosa, che "a titolo personale" in una dichiarazione dice "basta all'anomalo e squilibrato contrasto tra istituzioni, che trasmoda ogni limite costituzionale". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Mdp
Nasce gruppo Mdp Camera con 37 deputati, Laforgia presidente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech