sabato 25 febbraio | 02:05
pubblicato il 25/mar/2015 21:17

Berlusconi valuta schierare Toti e Bergamini in Liguria e Toscana

Carta cerchio magico per sblocco impasse.Cresce tensione con Fitto

Berlusconi valuta schierare Toti e Bergamini in Liguria e Toscana

Roma, 25 mar. (askanews) - Alla fine potrebbe rimanere solo una suggestione, forse una carta come tante altre da giocare nella trattativa con la Lega per le Regionali. Di fatto però è un'ipotesi della quale si sta ragionando: schierare esponenti del 'cerchio magico' come candidati presidenti: in particolare Giovanni Toti potrebbe essere il nome per la Liguria e Deborah Bergamini quello per la Toscana. In entrambe le Regioni, in realtà, Matteo Salvini ha già fatto i nomi del Carroccio e sono rispettivamente Edoardo Rixi e Claudio Borghi. Ma proprio la partita su queste due realtà tiene ancora in stand by la trattativa tra Silvio Berlusconi e il leader del Carroccio nonostante a questo punto per Forza Italia sarebbe davvero difficile non appoggiare Luca Zaia in Veneto.

I due dovrebbero tornare a vedersi probabilmente nel fine settimana ma intanto le trattative proseguono. Una delle soluzioni potrebbe essere quella di candidare Toti in Liguria e lasciare la Toscana alla Lega. L'ipotesi Bergamini, alla fine, potrebbe dunque rivelarsi solo una suggestione. Anche perchè in quella Regione si scontrano tre 'correnti' azzurre: l'inner circle rappresentato, appunto, dalla portavoce, i fedelissimi di Denis Verdini e poi i fittiani che lì hanno come loro rappresentante il combattivo Maurizio Bianconi.

Anche del nodo Regionali, attraverso una riunione con i coordinatori, si sarebbe dovuto occupare oggi Silvio Berlusconi al suo rientro a Roma. Il Cavaliere però è rimasto ad Arcore e non dovrebbe tornare nella Capitale neanche domani. Tra l'altro, oggi, avrebbe dovuto incontrare il candidato Governatore della Puglia, Francesco Schittuli. Il quale - viene spiegato - sarebbe molto preoccupato dall'ipotesi di perdere l'appoggio di Raffaele Fitto e si sarebbe detto disposto, in questo caso, anche a fare un passo indietro.

Già, perché lo stato dei rapporti tra Berlusconi e l'europarlamentare pugliese è sempre più disastroso. La decisione di Renato Brunetta di 'epurare' Gianfranco Chiarelli dalla commissione Giustizia dopo le sue critiche a Toti e Maria Rosaria Rossi, hanno acuito il livello dello scontro. Ieri sera Fitto ha riunito i 'suoi' e dai parlamentari sarebbe emersa una forte voglia di strappare. Lui però avrebbe cercato di raffreddare gli animi, sebbene al momento non escluda alcuna ipotesi, compreso l'addio a Forza Italia.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech