venerdì 20 gennaio | 11:48
pubblicato il 29/set/2011 14:45

Berlusconi: Su di me 100mila intercettazioni,nemmeno in Cina Mao

Procure pronte ad uccidersi per far fuori me

Berlusconi: Su di me 100mila intercettazioni,nemmeno in Cina Mao

Roma, 29 set. (askanews) - Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è tornato a sfogarsi contro la pubblicazioni delle conversazioni telefoniche. Secondo quanto viene riferito, il premier partecipando ieri a una cena organizzata dall'onorevole Alessandra Mussolini, avrebbe sottolineato: "Ma vi rendete conto sono state fatte - avrebbe sostenuto - 100mila telefonate per spiare me, i miei familiari e i i miei ospiti. Non è mai successo a nessuno, nemmeno nella Cina di Mao o nella cupa di Fidel Castro. Questi magistrati si stanno facendo la guerra, sono pronti ad uccidersi l'uno l'altro pur di far fuori me".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoti
Gentiloni a Chigi, pre-Consiglio ministri su emergenze sisma-neve
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale