lunedì 23 gennaio | 00:26
pubblicato il 05/nov/2014 21:19

Berlusconi stoppa sprint Renzi su Italicum: i miei frenano

Cav domani vede gruppi Fi, premier convoca maggioranza lunedì

Berlusconi stoppa sprint Renzi su Italicum: i miei frenano

Roma, 5 nov. (askanews) - Un incontro "non decisivo" e sicuramente meno "conviviale" dei precedenti. Questa volta il colloquio tra Silvio Berlusconi e Matteo Renzi per discutere della legge elettorale si sarebbe concluso - dopo due ore - con un certo nervosismo. Soprattutto da parte del premier che, non a caso, ha immediatamente accolto la richiesta di Angelino Alfano di tenere un vertice di maggioranza sull'Italicum.

Al leader azzurro, accompagnato da Gianni Letta e Denis Verdini, sono state illustrate le ipotesi di modifica già presentare ieri ai gruppi parlamentari Pd: premio alla lista, soglia al 40%, sbarramento al 5%. E per far accettare a Berlusconi il premio alla lista, Renzi avrebbe offerto anche la garanzia di un "congruo numero" di parlamentari 'nominati' dalle segreterie dei partiti. Un compromesso potrebbe essere raggiunto su un meccanismo - ancora tutto da individuare - che veda circa il 70% di eletti scelti dai cittadini (magari con le preferenze) e il 30% di eletti 'bloccati'. Che si stia lavorando su questa soluzione lo conferma anche il ministro Maria Elena Boschi: "E' un' ipotesi da valutare insieme agli alleati".

Ma la risposta di Berlusconi non sarebbe stata positiva. "Io considero il premio alla lista una opportunità per il bipartitismo, ma su questo - avrebbe ammesso - rischio di non tenere i miei. Loro frenano". Per questo si sarebbe riservato di affrontare la questione domani durante l'incontro con i gruppi di Forza Italia convocati alla Camera per le 16. Atteggiamento che avrebbe irritato il premier che, riferiscono fonti parlamentari Pd, "sul premio di lista aveva già ricevuto un sì da Berlusconi".

D'altra parte, l'ex premier sa bene che i parlamentari azzurri sono da tempo piuttosto agitati rispetto alle soluzioni calate dall'alto o atteggiamenti troppo supini rispetto alla maggioranza di Matteo Renzi. In molti da tempo gli vanno ripetendo che, una volta incassata la legge elettorale, il segretario Pd li porterebbe al voto anticipato: scenario che dalle parti del Cav vogliono evitare. Non solo: fonti Pd, ragionando sulla cautela di Berlusconi, guardano ai movimenti nel centrodestra: "Probabilmente l'ascesa di Salvini gli sta facendo pensare che il premio di lista sia pericoloso per lui, e magari vorrebbe rimanere col premio alla coalizione".

Bac/Rea

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4