sabato 25 febbraio | 12:20
pubblicato il 14/ott/2013 09:07

Berlusconi: Stefano, votare subito. No attesa interdizione

Berlusconi: Stefano, votare subito. No attesa interdizione

(ASCA) - Roma, 14 ott - ''Incandidabilita' e interdizione sono istituti diversi, con effetti differenti''. Il presidente della Giunta per le elezioni del Senato, Dario Stefano (Sel), spiega perche' non si poteva aspettare la sentenza definitiva dei giudici del processo Mediaset sull'interdizione per Silvio Berlusconi. In un'intervista al quotidiano 'Il Corriere della Sera'', Stefano aggiunge che ''la decisione della Cassazione ha reso applicabile solo l'incandidabilita' sopravvenuta e non ancora l'interdizione, quindi la Giunta era obbligata a iniziare dal li'''. Il presidente della Giunta afferma inoltre di ''non essere a conoscenza'' della richiesta del Pdl di rinviare il voto dell'Aula del Senato e definisce il voto palese ''un segnale di grande civilta' parlamentare, in sintonia con i cittadini che ci chiedono trasparenza''. sgr/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Aborto
Aborto, Bindi: bene Zingaretti, se Lorenzin non d'accordo lasci
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech