lunedì 27 febbraio | 20:22
pubblicato il 19/mar/2014 12:22

Berlusconi: Stefano (Sel), sentenza Cassazione non aggiunge nulla

(ASCA) - Roma, 19 mar 2014 - ''Da un punto di vista pratico non significa nulla, perche' non aggiunge nulla allo status di Berlusconi in termini di candidabilita'. Anche prima della sentenza di ieri Berlusconi non era piu' candidabile perche' la legge Severino da questo punto di vista e' chiara. La sentenza di ieri aggiunge qualcosa in termini di impossibilita' di praticare i pubblici uffici, ma non di essere candidato: da questo punto di vista lo trovo un dibattito un po' surreale''. A dichiararlo e' il presidente della Giunta elezioni e delle immunita' del Senato, Dario Stefano di Sel, questa mattina dai microfoni di Radio Citta' Futura, dopo che la Cassazione ha confermato l'interdizione dai pubblici uffici di Silvio Berlusconi. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech