martedì 17 gennaio | 03:57
pubblicato il 11/gen/2013 12:00

Berlusconi: Spero su divorzio Veronica ragionevole, c'è la crisi

Non pensavo sentenza urgente, non avevo letto lettere avvocati

Berlusconi: Spero su divorzio Veronica ragionevole, c'è la crisi

Roma, 11 gen. (askanews) - "Affetto" e sentimenti "positivi" verso Veronica, ma per quanto riguarda la cifra dovuta per il divorzio bisogna tornare a incontrarsi e cercare una soluzione "ragionevole" perché c'è "la crisi". E' questo il senso del ragionamento di Silvio Berlusconi durante la registrazione di 'Telecamere'. Dopo aver rivisto un vecchio filmato in cui dichiarava il suo amore per la Lario, il Cavaliere ha spiegato: "Anche adesso nei confronti di mia moglie non posso dire che i miei sentimenti non siano di grnde affetto. E' stata tra l'altro, anzi è, la madre - ha affermato - di tre figli meravigliosi. Oggi è lei che si occupa, visto che Barbara lavora, dei suoi figli e adesso che è arrivato anche il terzo, Riccardo, si occuperà anche di lui. E' stata una mamma ineccepibile". "Quindi da parte mia - ha ribadito - non c'è che un sentimento positivo nei suoi confronti. Purtroppo le cose del divorzio sono andate come sono andate. Non si è trovato da parte dei nostri legali un accordo e quindi i giudici sono intervenuti con una sentenza che io non sapevo nemmeno che dovesse arrivare. Ero assolutamente tranquillo, mi sono visto diverse volte a colazione e a cena con mia moglie insieme con i miei figli e non immaginavo che ci fosse un'urgenza. E questo per colpa mia perché non avevo letto alcune missive dei miei avvocati. Speravo che questa cosa sarebbe stata risolta su un piano bonario in un confronto con mia moglie che non ho mai avuto modo di avere non perché non lo abbiamo voluto, ma perché ritenevo avessimo il tempo per averlo". "E adesso siamo ancora a questo punto, dobbiamo incontrarci. Io credo - ha concluso Berlusconi - che ci sarà un atteggiamento assolutamente ragionevole da parte sua anche perché oggi siamo in crisi e siamo in crisi non soltanto per quanto riguarda la situazione delle famiglie. Oggi ho letto un numero che mi ha impressionato: ci sono 8 milioni di individui che tra poco potranno entrare nel novero dei poveri".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello