venerdì 09 dicembre | 18:37
pubblicato il 06/nov/2013 17:53

Berlusconi: scontro Pdl-Grasso, niente di fatto in consiglio ... (1upd)

+++I senatori Pdl-Gal-Lega Nord fanno mancare il numero legale. Il consiglio resta sospeso in attesa nuova convocazione+++.

.

(ASCA) - Roma, 6 nov - Si e' concluso con uno scontro tra il Pdl e il presidente del Senato, Pietro Grasso e un niente di fatto sostanziale la riunione del consiglio di presidenza del Senato che oggi aveva all'ordine del giorno l'''Informativa sull'utilizzo della rete nel corso della seduta della giunta per le elezioni del 4 ottobre 2013''.

I senatori Pdl-Gal-Lega Nord hanno lasciato la riunione facendo mancare il numero legale, obbligando cosi' il presidente Grasso a riconvocare il consiglio in una prossima data, e promettendo iniziative di protesta, pretendendo risposte alle questioni poste all'attenzione dell'organismo del Senato in ordine al regolamento.

''Grasso non e' imparziale. Vedremo se sara' possibile riunirci prima del 27 novembre, quando e' stato calendarizzato il voto sulla decadenza di Silvio Berlusconi - ha dichiarato al termine della riunione la senatrice Pdl, Alessandra Mussolini -. E' chiaro che per noi c'e' stata violazione del regolamento in giunta per le elezioni e questo fatto inficia anche il suo pronunciamento sulla decadenza come pure la successiva decisione della giunta per il regolamento in ordine al voto palese''.

Secondo quanto riferiscono le senatrici Mussolini e Elisabetta Casellati del Pdl, Grasso avrebbe preso posizione nel corso del consiglio di presidenza dichiarando che secondo lui non c'e' stata alcuna violazione del regolamento in ordine alla segretezza e disponendo come non competente in merito alla violazione del regolamento lo stesso consiglio.

Il centrodestra aveva sollevato la questione della segretezza del voto in occasione della riunione della giunta per le elezioni, alla luce dei post inviati dal senatore M5S, Vito Crimi e col fine di guadagnare tempo in vista del voto sulla decadenza di Silvio Berlusconi, fissato per il 27 novembre. Oggi il consiglio di presidenza doveva far luce sull'aspetto regolamentare, almeno nelle intenzioni dei senatori Pdl, seguiti da Gal e Lega Nord, ma il presidente Grasso, secondo quanto riferiscono le senatrici Mussolini e Casellati, ''non ha dato risposte''.

''Grasso si e' dimostrato di parte - ha incalzato Mussolini - non puo' passare il principio che la violazione del regolamento del Senato sia 'a discrezione'. Alla nostra precisa domanda su chi sia competente in merito alle violazioni del regolamento, il presidente non ci ha risposto, anzi ci ha detto che il consiglio e' competente solo sulle sanzioni. Ma perche' decidere una sanzione se non c'e' stata violazione? Abbiamo chiesto un voto, ma anche su questo c'e' stato silenzio. E' a quel punto che abbiamo deciso di andarcene dalla riunione''. njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Braccio di ferro nel Pd, Renzi tiene punto: governo con tutti
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Usa, Pecoraro Scanio: nomina Pruitt a Epa pericolo per l'Ambiente
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina