martedì 21 febbraio | 11:44
pubblicato il 08/nov/2013 15:21

Berlusconi: Schifani a Grasso, regolamento piegato a interessi di parte

Berlusconi: Schifani a Grasso, regolamento piegato a interessi di parte

(ASCA) - Roma, 8 nov - ''Ci dispiace contraddire ancora una volta il presidente Grasso, ma ribadiamo che il Regolamento del Senato e' stato deliberatamente violato e piegato agli interessi politici di una parte''. Lo dichiara il presidente dei senatori del Pdl Renato Schifani in relazione al voto sulla decadenza di Berlusconi. ''Anche noi crediamo che la democrazia vada realizzata giorno dopo giorno con l'applicazione delle regole - aggiunge -. Purtroppo, in Senato le cose sono andate diversamente. Si vorrebbe infatti consentire con una semplice interpretazione del Regolamento il cambiamento di norme che avrebbe dovuto essere effettuato attraverso un procedimento diverso. Tutto cio' e' inaccettabile. Per queste ragioni, essendo quello della Giunta un parere non vincolante, insisteremo in Aula perche' non se ne tenga conto e vengano ripristinate quelle regole di democrazia valide da sempre quando si delibera sulle persone''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia