sabato 03 dicembre | 13:23
pubblicato il 30/apr/2014 12:48

Berlusconi: Sacra Famiglia, prima fase di ascolto, non sara' divertente

(ASCA) - Cesano Boscone (Mi), 30 apr 2014 - Sara' un ''periodo di osservazione e ascolto'', quello che Silvio Berlusconi dovra' trascorrere alla Fondazione Sacra Famiglia di Cesano Boscone durante la prima fase della sua attivita' di affidamento in prova ai servizi sociali. Almeno nella fase iniziale del suo percorso di rieducazione, ''Silvio Berlusconi sara' affiancato da un educatore che lo seguira' nel suo percorso e dovra' essere per lui un punto di riferimento''. A chiarirlo e' Michele Restelli, direttore delle unita' residenziali della Onlus di Cesano Boscone dove, a partire da venerdi' 9 maggio Silvio Berlusconi dovra' presentarsi per almeno 4 ore. Per l'ex premier, ha aggiunto il direttore generale Paolo Pigni, ''non sara' divertente ne' rilassante''.

In particolare, il giorno del debutto di Berlusconi alla Onlus milanese ''consistera' con la presa di contatto diretta con la struttura''. Come ha spiegato ancora Restelli, quel giorno ''Berlusconi entrera' in contatto con i professionisti, gli educatori e gli assistenti. L'impegno di Silvio Berlusconi si svolgera' all'interno del nucleo Alzheimer della Rsa San Pietro, alla presenza dei malati e anche dei loro familiari''.

L'ex premier varchera' i cancelli della casa di cura intorno alle 9.45 del mattino, e se ne andra' dopo aver pranzato insieme agli anziani ricoverati nella struttura.

Anche la settimana successiva, venerdi' 16 maggio, ''Berlusconi sara' sempre affiancato dai nostri oepratori e assistenti''. Insomma, per dirla ancora con le parole di Restelli ''si procedera' con gradualita''' per permettere al leader di Forza Italia di entrare nel vivo con il servizio socialmente utile che lo vedra' protagonista per i prossimi 10 mesi e mezzo.

E' stato poi il direttore generale Pigni a chiarire che ''Berlusconi non si puo' definire un volontario. L'attivita' che svolgere' e' simile a quella dei volontari veri e proprio cosi' come simile deve essere la volonta' di Berlusconi di mettersi in gioco. E' chairo perche' che l'apporccio e il senso dell'attivita' che svolgera' Berlusconi e' totalmente diversa da quella dei volontari veri e propri''. Parole che servono a Pigni per sottolineare che Berlusconi e' sottoposto a regime di semi-liberta' e sta scontando una pena alternativa in seguito a una condanna definitiva. ''Qualunque forma di pena - ha detto ancora Pigni a questo proposito - deve essere finalizzata alla rieducazione del condannato.

Nello specifico stiamo mettendo in atto un inserimento vero di Berlusconi nell'attivita' dedicata all'assistenza di persone veramente fragili. fcz/cam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari