venerdì 09 dicembre | 05:38
pubblicato il 16/ago/2013 11:17

Berlusconi: Rodota', da nota Napolitano nessuno spiraglio per grazia

Berlusconi: Rodota', da nota Napolitano nessuno spiraglio per grazia

(ASCA) - Roma, 16 ago - ''Spiragli per la grazia nella nota di Napolitano? Non ne vedo, non ci sono le condizioni, tra tre anni non so cosa potrebbe accadere, ci potrebbe anche essere una situazione di emergenza umanitaria, ma oggi come oggi no''. Cosi' Stefano Rodota', intervistato da Radio Capital, commenta la nota del Presidente della Repubblica. ''Napolitano ha escluso che la grazia arrivi motu proprio e poi per la grazia sono fissate condizioni specifiche che fanno perno sul carattere umanitario della decisione. Fino a quando non saranno presenti le condizioni indicate dalla legge, dalla giurisprudenza, dalle consuetudini costituzionali e dai precedenti, sono quattro i riferimenti che fa Napolitano, la grazia non puo' essere concessa. Questo dovrebbe chiudere il discorso e la partita''. Ma ci sono altre vie per la clemenza? ''No, non ci sono'', risponde Rodota'.

E la cosiddetta agibilita' politica? ''E' una invenzione di questa fase, non ha nulla a che vedere con la grazia e che cerca di forzare le istituzioni, anzi cerca di forzare la mano del Presidente della Repubblica per risolvere un problema politico nato da una legittima decisione della magistratura. E' un impraticabile tentativo di trovare una scorciatoia istituzionale. In questo momento l'agibilita' politica dipende dalle condizioni di funzionamento del sistema politico che sono pessime, un sistema che cerca di scaricare sui meccanismi istituzionali responsabilita' che sono sue proprie''. Cosa pensa del passaggio della nota in cui Napolitano parla di ''legittime manifestazioni di dissenso'' rispetto alla sentenza della Cassazione? ''Forse non era un passaggio necessario - risponde il giurista - era nello spirito che il Presidente sta adoperando, dal suo punto di vista, cioe' quello di mantenere una rete di protezione per il governo, e' comprensibile. Diciamo che e' un di piu' che non mi entusiasma. E' un punto che se e' ricondotto al fatto che e' legittimo un disagio e un dissenso ma che non legittima ritorsioni, si tratta di valutazioni politiche e su questo io non sono d'accordo''. com-ceg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni