giovedì 23 febbraio | 12:41
pubblicato il 05/mag/2011 05:00

Berlusconi ricuce con Lega e guarda al voto: Test nazionale

Vinceremo noi.Potrei ricandidarmi Premier, sennò Tremonti in pole

Berlusconi ricuce con Lega e guarda al voto: Test nazionale

Roma, 5 mag. (askanews) - Con la Lega ci può essere "dialettica" nei periodi elettorali, ma l'asse è "saldo" e alle amministrative vincerà il centrodestra. Silvio Berlusconi, in una intervista a 'Porta a porta', cerca di chiudere la parentesi Libia e lancia il rush finale per il voto nelle città, un "test nazionale" che secondo il premier permetterà alla maggioranza di ritrovare la solidità necessaria a portare a termine la legislatura. Berlusconi è tornato ad attaccare magistrati e opposizione" mentre ha minimizzato le polemiche con il Carroccio e, pur non escludendo una propria ricandidatura, per la prima volta ha citato Giulio Tremonti come più probabile suo successore. "Con Bossi - ha detto - ci sono a volte delle dialettiche originate dai periodi elettorali su cui la Lega è molto sensibile. Ma poi alla fine si è sempre trovato un modo per ragionare bene e arrivare a soluzioni condivise". Insomma, "l'asse è saldo" e alle amministrative "avremo la conferma della solidità della maggioranza e la legislatura andrà avanti, ci sono tante cose importanti da fare". Non solo, il premier ha voluto anche smentire le voci di una contrapposizione con Tremonti: non solo lo ha difeso dall'accusa di tenere troppo stretti i cordoni della borsa pubblica ("Ci vuole rigore, non può reperire risorse che non ci sono"), ma lo ha addirittura messo in pole position tra i suoi possibili successori. D'altro canto, non ha escluso nemmeno di potersi ricandidare: "Se sarà necessario per il centrodestra, non mi tirerò indietro; se verranno fuori altre personalità, e ne abbiamo diverse - Tremonti in primis - non avrei difficoltà a tirarmi indietro e lasciare ad altri il compito molto gravoso del governo", ha detto il premier. Addirittura, Berlusconi ha rinunciato al tema della riduzione delle tasse: "Impossibile ora". Contro opposizione e magistratura, invece, ha usato parole già dette molte volte: "Nessun dialogo" con una opposizione che ha tra le sue file "i centri sociali" e crea un clima da "guerra civile" e critiche ai pm di Milano che lo vogliono processare e che "già per 24 volte hanno portato simili accuse e i loro colleghi giudici hanno detto che non erano vere". Il premier ha inoltre negato di avere mai avuto contatti o anche solo "richieste di contatto" dal mafioso Giovanni Brusca.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech