sabato 03 dicembre | 08:22
pubblicato il 05/mag/2011 05:00

Berlusconi ricuce con Lega e guarda al voto: Test nazionale

Vinceremo noi.Potrei ricandidarmi Premier, sennò Tremonti in pole

Berlusconi ricuce con Lega e guarda al voto: Test nazionale

Roma, 5 mag. (askanews) - Con la Lega ci può essere "dialettica" nei periodi elettorali, ma l'asse è "saldo" e alle amministrative vincerà il centrodestra. Silvio Berlusconi, in una intervista a 'Porta a porta', cerca di chiudere la parentesi Libia e lancia il rush finale per il voto nelle città, un "test nazionale" che secondo il premier permetterà alla maggioranza di ritrovare la solidità necessaria a portare a termine la legislatura. Berlusconi è tornato ad attaccare magistrati e opposizione" mentre ha minimizzato le polemiche con il Carroccio e, pur non escludendo una propria ricandidatura, per la prima volta ha citato Giulio Tremonti come più probabile suo successore. "Con Bossi - ha detto - ci sono a volte delle dialettiche originate dai periodi elettorali su cui la Lega è molto sensibile. Ma poi alla fine si è sempre trovato un modo per ragionare bene e arrivare a soluzioni condivise". Insomma, "l'asse è saldo" e alle amministrative "avremo la conferma della solidità della maggioranza e la legislatura andrà avanti, ci sono tante cose importanti da fare". Non solo, il premier ha voluto anche smentire le voci di una contrapposizione con Tremonti: non solo lo ha difeso dall'accusa di tenere troppo stretti i cordoni della borsa pubblica ("Ci vuole rigore, non può reperire risorse che non ci sono"), ma lo ha addirittura messo in pole position tra i suoi possibili successori. D'altro canto, non ha escluso nemmeno di potersi ricandidare: "Se sarà necessario per il centrodestra, non mi tirerò indietro; se verranno fuori altre personalità, e ne abbiamo diverse - Tremonti in primis - non avrei difficoltà a tirarmi indietro e lasciare ad altri il compito molto gravoso del governo", ha detto il premier. Addirittura, Berlusconi ha rinunciato al tema della riduzione delle tasse: "Impossibile ora". Contro opposizione e magistratura, invece, ha usato parole già dette molte volte: "Nessun dialogo" con una opposizione che ha tra le sue file "i centri sociali" e crea un clima da "guerra civile" e critiche ai pm di Milano che lo vogliono processare e che "già per 24 volte hanno portato simili accuse e i loro colleghi giudici hanno detto che non erano vere". Il premier ha inoltre negato di avere mai avuto contatti o anche solo "richieste di contatto" dal mafioso Giovanni Brusca.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari