martedì 06 dicembre | 01:57
pubblicato il 02/ott/2013 12:00

Berlusconi/ Presidente Cassazione: la telefonata è bugia eversiva

Santacroce: "è falsa e grottesca, attacco a Napolitano e toghe"

Berlusconi/ Presidente Cassazione: la telefonata è bugia eversiva

Roma, 2 ott. (askanews) - "Falso e grottesco". E anche "eversiva, fuori dalle regole democratiche". Il presidente della Cassazione Giorgio Santacroce ha rotto il tradizionale silenzio stampa che caratterizza la funzione di primo presidente della Corte di Cassazione per smentire pubblicamente a mezzo stampa, con intreviste al 'Sole 24 Ore' e al 'Corriere della Sera' che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, "al quale va rinnovata piena solidarietà, fiducia e stima" dalla presidenza della Cassazione, sia intervenuto su di lui affinchè gli ermellini del palazzaccio aggravassero, a camera di consiglio già chiusa e decisione presa, l'importo del risarcimento Fininvest a De Benedetti per il lodo Mondadori, come raccontato da Silvio Berlusconi nella telefonata pubblicata lunedì sera da 'Piazzapulita' su la7. "Non siamo più - ha denunciato Santacroce sulle parole di Berlusconi- al condizionamento ideologico che porta a gridare contro la politicizzazione di una parte della magistratura. Qui si è arrivati a ipotizzare il coinvolgimento dei massimi vertici della Cassazione, presunte cinghie di trasmissione del Capo dello Stato in una combine ai danni di un esponente politico. Oltre che falso, e' grottesco. Siamo di fronte all'ultimo gravissimo tentativo di delegittimare i giudici". "Immaginare che il Capo dello Stato solleciti il suo consigliere affinchè chiami il primo presidente della Cassazione per ordinare al presidente di sezione di riaprire la camera di consiglio - ha sottolineato- sottintende una concezione gerarchico-piramidale del sistema che semplicemente non esiste. Vuol dire credere che i giudici siano alle strette dipendenze del primo presidente , servitori di altri padroni". E "il solo pensare che le toghe prendono ordini da un padrone è fuori dalle regole democratiche". "Il solo pensarlo - ha aggiunto Santacroce - e' paradossale, e ancora peggio e' immaginare il coinvolgimento del Capo dello Stato al quale rinnovola mia stima e solidarieta' per un attacco che in questo caso, e' rivolto soprattutto verso di lui. Siamo a una sorta di 'muoia Sansone con tutti i filistei' berlusconiano che finisce per colpire la storia e l'onestà intellettuale di tutti i magistrati". "Auspico - ha concluso Santacroce- il recupero delle regole di uno Stato democratico: riconoscere che la legge è uguale per tutti e che non si possono fare dei distinguo". E "auspico dagli altri poteri lo stesso rispetto che ho per loro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Riforme
M5s, Lega e Fdi chiedono voto. Fi vuole tavolo legge elettorale
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari