domenica 11 dicembre | 11:46
pubblicato il 30/lug/2013 12:00

Berlusconi/ Pg: Confermare condanna, ma ridurre interdizione

Legali: apprezziamo sforzi per difendere l'indifendibile

Berlusconi/ Pg: Confermare condanna, ma ridurre interdizione

Roma, 30 lug. (askanews) - Silvio Berlusconi va condannato con sentenza definitiva, ma la sua interdizione dai pubblici uffici va ridotta da 5 a tre anni. E' questa la richiesta del pg Antonello Mura ai giudici della Cassazione nel processo per i diritti tv Mediaset. Secondo il rappresentante dell'accusa, al termine di quasi 4 ore e mezza di requisitoria, non ci sono dubbi: quello che si deve valutare è il concorso ad un meccanismo di fatturazioni fittizie, una vera e propria continuità di sistema che aveva il duplice obiettivo di "gonfiare i costi per benefici fiscali e produrre pagamenti per la costituzione all'estero di ingenti capitali". E dietro a tutto questo, come fondatore del gruppo, c'era proprio l'ex premier. I passaggi logici che portano il pg Mura a chiedere la conferma della sentenza d'appello, che prevede una pena a 4 anni per il leader del Pdl, sono tutti scanditi al fatto che nella maggior parte dei 94 motivi di ricorso presentati dai difensori ci sono questioni di merito e non di diritto. Sul confine tra la inammissibilità e il rigetto dei ricorsi si muove il magistrato, leggendo pagine divise in paragrafi, senza titoli e sottolineature. Secondo il difensore di Berlusconi, il professor Franco Coppi, "il calcolo dell'interdizione è stato un errore palese dei giudici di Milano. Per il resto - continua il penalista - rimango ammirato dallo sforzo del Pg di difendere una sentenza che è indifendibile". Le attese per la discussione di domani è molta. Tutto lo studio del grande avvocato siede in platea. C'è anche la figlia e prima collaboratrice Francesca. "Faccio le corna", dice scherzando Coppi. Niccolò Ghedini, più abituato all'attenzione mediatica, svicola alla pausa pranzo dopo la relazione d'apertura e quando torna al 'Palazzaccio' appare fresco e riposato. "La battaglia è lunga", dice uno dei legali che hanno seguito la vicenda nei primi gradi di giudizio. Quelle decisioni che vengono ripercorse dal pg Mura, partendo dal capo d'imputazione e scandendo ogni rimando, dalle ammissioni di un teste alle contestazioni suppletive, che hanno caratterizzato la complessa vicenda che si concentra sull'acquisizione di diritti di trasmissione televisiva di una serie di film. Secondo le condanne che si vorrebbero annullate, attraverso quelle trattative lontano dall'Italia, e grazie a società della holding con funzione di scatole vuote, furono evase le tasse. Per la difesa invece i guadagni dei vari intermediari finiti sotto processo sono reali e le aziende coinvolte nella questione sono tutto meno che fasulle. Per il pg vale il "picchiare sui prezzi" che viene detto da uno e ripetuto dall'altro per riportarsi al dato che emerge dal processo un carattere di "autentica fittizietà dei documenti, una vera e propria inesistenza delle fatture". Questa è la montagna che i legali devono scalare. Domani mattina le porte della I sezione penale della Suprema corte si apriranno per le 9,30. L'udienza dovrebbe cominciare di lì a poco. Le conclusioni dell'avvocato dello Stato, con le ragioni dell'Agenzia dell'entrate, chiudono la giornata contraddistinta da quello che è sembrato un riassunto difficile dei lunghi processi milanesi. Secondo Mura sono stati "celebrati secondo le regole di legge" e ci sono gli elementi del "giusto processo, privo di vizi procedurali". I legali, Coppi e Ghedini in testa, proveranno a insinuare almeno il dubbio. Il desiderio, però, neanche troppo nascosto, è quello di far annullare tutto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina