martedì 21 febbraio | 22:50
pubblicato il 04/ott/2013 15:53

Berlusconi: Pdl contesta 'Severino', ieri chiedeva ddl anticorruzione

Berlusconi: Pdl contesta 'Severino', ieri chiedeva ddl anticorruzione

(ASCA) - Roma, 4 ott - La Giunta per le elezioni del Senato e' riunita per decidere sulla decadenza da senatore di Silvio Berlusconi. Una decadenza, indipendentemente da quello che sara' il pronunciamento (certo vincolante ma sostanzialmente politico) della Giunta, che poggia i suoi effetti sull'applicazione della legge Severino. Una norma, che prende il nome dall'ex Guardasigilli Paola Severino, che fissa, tra l'altro, l'incandidabilita' per coloro che hanno riportato condanne definitive a pene sopra i due anni di reclusione per delitti non colposi per i quali sia prevista la reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni. Inoltre, quando una causa di incandidabilita' sopraggiunga durante il mandato, si verifica la decadenza che deve essere dichiarata dall'assemblea.

La legge e' stata votata il 17 ottobre 2012 dal Senato (256 voti a favore, da Pd, Pdl e Udc piu' Lega Nord) e il 31 ottobre dalla Camera con 480 voti favorevoli (con la stessa suddivisione tra partiti del Senato).

Come si vede, il Pdl, che allora sosteneva il governo guidato da Mario Monti, si espresse piu' o meno compattamente (ci fu qualche astenuto) a favore di questa legge che si muoveva nel solco della legge anticorruzione presentata nel 2010, dall'allora ministro della Giustizia Angelino Alfano.

Una legge che aveva fra l'altro al suo interno il capitolo dell'incandidabilita', introducendo le 'liste pulite' per i parlamentari. Veniva stabilito che chi ha subito una condanna passata in giudicato per i reati di peculato, malversazione, concussione e corruzione, per 5 anni non puo' candidarsi alla carica di deputato o senatore. Oggi invece e' scontro tra Pd e Pdl, con il partito di centrodestra che chiede l'intervento della Corte Costituzionale per chiarire se la 'Severino' sia applicabile retroattivamente o meno. Il Pd, dal canto suo, vede in questa richiesta il tentativo di ritardare la decadenza da senatore di Silvio Berlusconi. Una decadenza che con la condanna definitiva nel processo Mediaset arrivera' in ogni caso quando verra' definita dalla Corte d'Appello di Milano la durata della interdizione del Cavaliere dai pubblici uffici.

fdv/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Campidoglio
Grillo: ammetto le colpe a Roma, ma andiamo avanti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia