martedì 06 dicembre | 01:59
pubblicato il 16/mar/2013 12:00

Berlusconi: Pd irresponsabile, ci chiamiamo fuori da spartizione

La sinistra si attarda con Grillo. Non occupi anche Colle

Berlusconi: Pd irresponsabile, ci chiamiamo fuori da spartizione

Roma, 16 mar. (askanews) - Il Pd ha dimostrato di avere un atteggiamento "irresponsabile" e per questo il Pdl si 'chiama fuori' "da ogni trattativa di spartizione delle principali cariche istituzionali" ma la sinistra eviti di applicare anche al Colle lo "spirito di occupazione" già applicato nel 2006. Silvio Berlusconi lascia l'ospedale San Raffaele ma ancora prima affida la sua posizione a una nota che viene letta nel Tg4 serale. "La gravità della crisi economica in cui versa l'Italia - afferma - sfugge purtroppo alla maggioranza delle forze politiche, impegnate in un balletto di dichiarazioni irreali, di mosse e contromosse opportunistiche, di tatticismi irresponsabili. Tutto questo avviene mentre milioni di italiani soffrono sempre di più i morsi della crisi economica, con migliaia di aziende grandi e piccole costrette a chiudere i battenti, con le famiglie che sempre di più soffrono dell'impossibilità di far quadrare i conti, con la percezione crescente da parte di tutti di un impoverimento che ci attanaglia e che deprime la nostra speranza nel futuro". "Di fronte alla drammaticità della crisi economica e all'urgenza che s'insedi un governo capace di assumere immediatamente provvedimenti efficaci, il Pd - osserva Berlusconi - rovescia sul Paese i propri ritardi, la propria invidia sociale, il proprio odio verso chi ha di più, tutte le proprie contraddizioni inseguendo esplicitamente un accordo di governo con il movimento di Grillo". "Indifferente ai contenuti del programma economico del Movimento cinque stelle, il Pd di Bersani - dice ancora l'ex premier - antepone, come sempre, i propri interessi di partito a quelli del Paese. Anche se la prospettiva perseguita da Bersani non approderà a nulla, o metterà seriamente a rischio gli interessi dell'Italia, si continua a ignorare la realtà dell'Italia e i numeri emersi dalle recenti elezioni politiche.In questo quadro davvero sconfortante, essendo stata respinta irresponsabilmente dal Pd la nostra ripetuta disponibilità a farci carico delle responsabilità di garantire un governo al Paese, noi ci chiamiamo fuori da ogni trattativa di spartizione delle principali cariche istituzionali. Ci auguriamo solo - è la conclusione - che l'elezione del prossimo presidente della Repubblica non avvenga nello spirito di occupazione di tutte le istituzioni democratiche, così come avvenne dopo le elezioni del 2006".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari