sabato 03 dicembre | 11:12
pubblicato il 13/set/2013 12:00

Berlusconi/ M5S propone abolizione voto segreto in aula Senato

Basta giochetti e depistaggi: scelte vanno fatte pubblicamente

Berlusconi/ M5S propone abolizione voto segreto in aula Senato

Roma, 13 set. (askanews) - Il MoVimento Cinque Stelle propone alle forze politiche di modificare il Regolamento del Senato, abrogando la possibilità di voto segreto in aula. Si tratta, per definizione stessa dei grillini di una vera e propria "sfida" in vista del voto che l'assemblea di palazzo Madama fra poche settimane sarà chiamato a esprimere sulla decadenza di Silvio Berlusconi da parlamentare. Una iniziativa a prima firma Vincenzo Santangelo, che propone la modifica del regolamento per abolire il voto segreto e prevedere la votazione nominale e palese per ogni tipo di votazione. "Chi non ha nulla da nascondere- ha scritto in una nota il gruppo M5S al Senato- voti la nostra proposta per avere sempre un parlamento casa di vetro. Basta voto segreto. Solo chi deve nascondere qualcosa vuole, chiede e difende il voto segreto. I parlamentari al Senato del Partito Democratico come di ogni altra forza politica possono far svanire ogni timore e aprire alla trasparenza: votino la nostra proposta di modifica del regolamento del Senato. Il Movimento 5 Stelle in Giunta e in Aula compatto voterà per la decadenza immediata del condannato a 4 anni Silvio Berlusconi. Il Parlamento Pulito e' nel nostro Dna. E' ora di finirla una volta per tutte con il 'voto segreto'. Sfidiamo tutti: Pd, Pdl, Scelta Civica, Sel, Lega. Con atti concreti". "Come avevamo previsto in tempi non sospetti - hanno infatti messo in guardia i grillini- è iniziata la vergognosa campagna politico/mediatica del Pdl contro il Movimento 5 Stelle. Una campagna che ha lo scopo di preparare il terreno in Aula ai franchi tiratori del Pd che, grazie al voto segreto, cercheranno di salvare Berlusconi dalla decadenza. Sono gli stessi franchi tiratori Pd facenti parte della 'banda dei 101' che affosso' Romano Prodi. Il rischio e' tutto li'. Con noi lo hanno denunciato per tempo ad agosto anche i parlamentari: Felice Casson (Pd) e Laura Puppato (Pd). Ora Giovanardi, per salvare gli accordi del governo Letta, coprire la 'banda dei 101' e salvaguardare dalla Waterloo gli amici di lunga data del Pd(menoelle), parla di fantomatici e inesistenti franchi tiratori del Movimento 5 Stelle".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari