venerdì 20 gennaio | 07:20
pubblicato il 16/set/2013 16:35

Berlusconi: Leva (Pd), non si dimentichi che e' stato condannato

(ASCA) - Roma, 16 set - ''Il Pd non teme il voto segreto ne' tantomeno e' contrario all'ipotesi di un voto palese. Quello in corso e', tuttavia, un dibattito surreale. Il Paese e' bloccato a discutere sulle modalita' di voto ma in questo modo si finisce per far passare sotto silenzio la sostanza della questione: in qualsiasi Paese civile un leader politico condannato in via definitiva si sarebbe immediatamente dimesso di propria iniziativa, e il suo stesso partito l'avrebbe richiesto''. Lo afferma Danilo Leva, responsabile Giustizia del Partito Democratico.

''Purtroppo questa sensibilita' istituzionale non appartiene a Berlusconi e tanto meno al suo partito, che e' ormai solo piatta espressione dei voleri e degli interessi del suo capo'', conclude Leva.

com-ceg/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale