venerdì 09 dicembre | 03:19
pubblicato il 25/nov/2013 19:34

Berlusconi: lettera ai senatori Pd e M5S, ecco il testo

Berlusconi: lettera ai senatori Pd e M5S, ecco il testo

(ASCA) - Roma, 25 nov - ''Colleghi Senatori, come mi avete gia' sentito dire io sogno un'Italia in cui lo scontro politico non cancelli il rispetto per le persone e per le regole democratiche. Noi e Voi siamo avversari politici, ma non per questo dovrebbe venir meno il rispetto reciproco come persone che hanno una dignita' e come cittadini che hanno dei diritti''. Inizia cosi' la lettera che Silvio Berlusconi ha inviato ai senatori del Pd e del Movimento 5 Stelle a due giorni dal voto dell'Aula di Palazzo Madama sulla sua decadenza da senatore.

''Con Voi senatori del Partito Democratico, inoltre, abbiamo formato un governo di larghe intese per fermare la crisi economica e varare finalmente delle riforme istituzionali. Questo governo che abbiamo formato insieme per gli interessi superiori del Paese presupponeva di per se', all'atto stesso della sua formazione, un clima politico piu' sereno, collaborativo e dialogante fra tutte le forze politiche della maggioranza. Cosi' non e' stato - continua Berlusconi - ma resto convinto che senza un'autentica pacificazione, cioe' una legittimazione reciproca fra le grandi forze politiche, l'Italia non conoscera' mai quella normalita' politica che contraddistingue la vita di tutti gli altri Paesi democratici dell'Occidente''.

''Questo concetto vale anche per Voi, giovani senatori del movimento Cinquestelle. Molti di Voi - ne sono certo - sono animati da una autentica passione politica e da un sincero amore per l'Italia. La Vostra opposizione e' chiara, trasparente e determinata. La Vostra indignazione e la Vostra opposizione ai mali di questo Paese e' anche in gran parte fondata e comprensibile. Per questo mi appello anche a Voi: non sacrificate mai le Vostre ragioni politiche ma esercitatele sempre nel rispetto degli avversari politici, per quanto distanti siano da Voi, e per i principi fondamentali della democrazia e della liberta'. Per questo Vi chiedo di riflettere davvero nell'intimo della Vostra coscienza, anche se il voto e' palese, anzi tanto piu' in quanto e' palese, prima di prendere una decisione che, piu' ancora che la mia persona, riguarda la nostra democrazia'', prosegue Berlusconi.

''Vi chiedo di valutare attentamente le nuove prove, le testimonianze e i documenti che sono emersi dopo la sentenza della Cassazione. Questi documenti ribaltano completamene la tesi accusatoria che ha condotto alla mia condanna e alle conseguenze sul mio stato di parlamentare. Da un punto di vista strettamente giudiziario, queste prove condurranno necessariamente a una revisione del processo, ma da un punto di vista politico impongono in modo incontrovertibile di rimandare il voto del Senato sulla mia decadenza. Sarebbe una macchia incancellabile su questo Parlamento se venisse presa una decisione senza tener conto dei nuovi elementi che riapriranno il processo togliendo alla sentenza quella ''definitivita''' che e' il presupposto ineludibile della Vostra pronuncia e prima ancora che si esprima la Corte dei diritti dell'uomo dell'Unione Europea sulla retroattivita' della legge Severino'', si legge ancora.

''Lasciate che si esprima la magistratura sia in Italia che in Europa prima di prendere una decisione che potrebbe successivamente essere sconfessata. In caso contrario, Vi assumereste una grave responsabilita'. Far decadere dal Parlamento un leader politico che e' stato piu' volte Presidente del Consiglio e che ha rappresentato per molti anni l'Italia sulla scena internazionale, manderebbe alla comunita' mondiale un segnale e un'immagine dell'Italia in cui le divisioni politiche giungono fino al punto di eliminare un protagonista della politica che rappresenta milioni di elettori. Arrivano persino a calpestare i principi essenziali della vita democratica. Riflettete dunque, colleghi Senatori, riflettete prima di prendere una decisione cosi' grave. Non lasciate che nella Vostra coscienza le convenienze politiche del momento prendano il sopravvento sulla verita' e sulla giustizia. Non assumeteVi una responsabilita' che graverebbe per sempre sulla Vostra immagine, sulla Vostra storia personale, sulle Vostre coscienze. Una responsabilita' di cui nel futuro dovreste vergognarvi di fronte ai Vostri figli, ai Vostri elettori, di fronte a tutti gli italiani. Vi ringrazio'', conclude Berlusconi.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni