lunedì 27 febbraio | 08:28
pubblicato il 03/nov/2015 19:32

Berlusconi indeciso sulla piazza di Bologna insieme a Salvini

Forza Italia divisa, sarà rappresentata da una delegazione non ancora definita. La Lega: siamo stupiti

Berlusconi indeciso sulla piazza di Bologna insieme a Salvini

Roma, 3 nov. (askanews) - Su un punto, almeno, ora c'è una certezza: Forza Italia sarà alla manifestazione organizzata per domenica a Bologna dalla Lega. Quello che è sempre meno chiaro, però, è: sarà presente o no Silvio Berlusconi? Perchè, dopo che lo stesso Cavaliere aveva annunciato la sua intenzione di andarci, dentro il partito si è scatenato il putiferio. E così, l'unico punto fermo al momento, è una brevissima nota in cui si comunica che Forza Italia parteciperà "con una sua delegazione istituzionale". Inutile, al momento, chiedere chi ne farà parte.

Da ora a domenica, infatti, ci sono alcune variabili: tra queste l'eventuale incontro con il leader del Carroccio, Matteo Salvini. Di certo, in questo momento, sembra essere andato a segno il pressing dei tanti che dentro Forza Italia nutrono dubbi sulla partecipazione a una manifestazione a trazione leghista. Come per esempio i due capigruppo, Paolo Romani e Renato Brunetta, una volta tanto d'accordo. O ancora Antonio Tajani, vice presidente del Parlamento europeo, fautore dell'incontro a Madrid tra Berlusconi e la Mekel, tra i più dubbiosi sull'opportunità che l'ex premier metta la faccia su una piazza dai forti accenti anti-Cancelliera. Ma a fare aprire una breccia nel Cavaliere sarebbero state ancora una volta le sirene aziendali: non a caso le perplessità si sarebbero già affacciate ieri sera, lunedì, giorno dedicato a incontrare figli e dirigenti.

Le obiezioni della fazione azzurra contraria alla partecipazione di Berlusconi alla manifestazione di Bologna, puntano il dito soprattutto sull'atteggiamento avuto in questi ultimi giorni da Salvini. "Nelle ultime settimane - viene spiegato - aveva sostenuto che questa era una piazza del centrodestra, anti-Renzi, improvvisamente in queste ultime ore è tornata ad essere una manifestazione della Lega, alla quale Berlusconi veniva 'invitato'".

Dal Carroccio a commentare sono i capigruppo di Camera e Senato che, in una nota, senza fare alcun riferimento esplicito agli azzurri, affermano: "L'Italia del futuro sarà domenica 8 in piazza Maggiore a Bologna. Siamo stupiti e dispiaciuti che qualcuno si sfili dalla sfida a Renzi facendosi magari tentare dai canti delle sirene del Pd. Noi andremo avanti per la nostra strada".

Ma Forza Italia, ormai, è divisa in fazioni su tutto: e così, se da una parte c'è chi gioisce all'idea che il Cavaliere abbia messo in dubbio la sua presenza a Bologna accanto a Salvini e Meloni, dall'altra c'è tutto un altro blocco che mastica amaro e che considera questa scelta sbagliata anche nell'ottica di stringere sempre più l'alleanza con il Carroccio. Tra questi Augusto Minzolini che squaderna le sue perplessità su Twitter. "C'è il rischio - scrive - che il Cav non vada alla manifestazione di Bologna: colpa delle contorsioni del gruppo dirigente di Fi No comment".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech