domenica 11 dicembre | 05:38
pubblicato il 19/giu/2011 20:42

Berlusconi incassa 'Bossi di governo': ora pressing su Tremonti

Ma dubbi su Maroni e Alemanno. E in aereo con Bossi...

Berlusconi incassa 'Bossi di governo': ora pressing su Tremonti

Roma, 19 giu. (askanews) - 'Mi programma es tu programma', sembra dire Silvio Berlusconi al termine del Pontida day, rivolgendosi all'alleato leghista. E d'altra parte il Cavaliere aspettava solo la conferma di quanto Umberto Bossi gli aveva anticipato in aereo, pochi giorni fa. Nessuno strappo, almeno per ora, anzi sostegno nel pressing sul Tesoro per aprire i cordoni della borsa e migliorare l'immagine dell'esecutivo di fronte ai cittadini. Certo, Berlusconi non gradisce mai del tutto chi mette in discussione la sua leadership, ammettono gli uomini più fidati, ma in questo caso era stato preallertato sulla sortita bossiana. Per questo, il Cavaliere prende quanto di buono arriva dal raduno padano e considera quello di Bossi il primo passo per prolungare la vita del governo almeno fino al 2012. Un percorso, è però opinione di Berlusconi, che rischia ancora di essere interrotto a causa di alcuni ostacoli che il premier ha individuato lungo il cammino. Ne avevano discusso in aereo, pochi giorni fa. "Silvio, metterò in discussione la tua premiership in vista delle prossime Politiche", gli aveva detto Bossi, conscio di dover 'offrire' qualcosa a militanti pronti a rispolverare la causa della 'secessione'. Nessun problema, aveva risposto Berlusconi, memore di un dato inoppugnabile: da almeno dieci anni si discute di delfini e successione e il premier ha sempre saputo dosare sapientemente aperture e chiusure quando si discute di linea dinastica. Per tutte queste ragioni non ha suscitato alcuna sorpresa, in Berlusconi, ascoltare il fidato Umberto mettere in discussione l'appoggio del Carroccio in vista del 2013. Certo, meglio sarebbe stato se Bossi avesse saltato quel fastidioso passaggio. Ma di fronte al pressing della platea leghista e alla pancia padana che reclama azioni decise dopo la batosta elettorale, il senatùr qualcosa doveva pur concedere. Indebolendo Berlusconi, certo, ma non troppo da sbarrarne il passo, almeno fino al 2012. Al Cavaliere non è sfuggito un altro dato. A Pontida - almeno fino a prova contraria - ha prevalso la prudenza del leader leghista. Al netto dello show bossiano, infatti, non è passata la linea oltranzista di chi aveva ipotizzato gesti più duri, come il congelamento della delegazione ministeriale. Eppure ieri Roberto Calderoli aveva lasciato intendere che ogni strada era percorribile, anche quella di scendere in piazza contro l'esecutivo, svestendo la casacca ministeriale. La sintesi di Bossi, però, non è arrivata a mettere discussione - almeno per ora - la tenuta del governo. Neanche sulla missione in Libia è stata indicata una deadline, né è arrivato il 'licenziamento' di Tremonti. La figura del ministro dell'Economia, però, esce quantomeno ammaccata dal prato verde di Pontida. Proprio il pressing sul titolare di via XX Settembre, riferiscono diverse fonti del Pdl, non è risultato affatto sgradito a Berlusconi. Con uno dei big dell'ex Forza Italia con i quali ha avuto modo di discutere dell'intervento del leader leghista, infatti, il premier avrebbe commentato soddisfatto il "ridimensionamento" del superministro. "Bossi, rimettendo Tremonti al suo posto, ha allungato la vita del governo e costretto Giulio in un angolo. L'unico che non l'ha capito è Alemanno, ma glielo spiegherò", sarebbe stato il ragionamento di Berlusconi, parecchio irritato con il sindaco di Roma. Per ora, insomma, il premier incassa il mancato strappo leghista tirando un sospiro di sollievo. Sotto osservazione, raccontano dal Pdl, restano però le mosse di alcuni 'colonnelli' del Carroccio, Maroni in testa. E' la 'fronda generazionale' quella che ormai preoccupa Berlusconi. Un cruccio che il Cavaliere da giorni sussurra proprio all'orecchio di Bossi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina