domenica 04 dicembre | 17:26
pubblicato il 25/ott/2013 12:00

Berlusconi: in Pdl incomprensioni, ma Alfano conferma unità

Dopo 2 ottobre contrasti mai visti in 20 anni partito

Berlusconi: in Pdl incomprensioni, ma Alfano conferma unità

Roma, 25 ott. (askanews) - Nel Pdl ci sono stati "contrasti" e "incomprensioni personali" e "sono sicuro saranno sanati". Lo dice Silvio Berlusconi, che assicura: "Nell'incontro con Alfano e i ministri mi è stata confermata l'unità. Continuiamo mettendo l'accento sulla volontà di unità che è qualcosa in cui crediamo tutti a prescindere dai punti su cui ci si è divisi". Il Cavaliere ripercorre quanto è accaduto il 2 ottobre quando il gruppo Pdl, in seguito all'iniziativa di 23 senatori, decise di "adeguarsi" e votare la fiducia al governo. "Da quel momento televisioni e giornali hanno riportato delle posizioni di contrasto che non erano mai accadute nei 20 anni del nostro partito e situazioni dialettiche che io vedo con il mio occhio da ottimista come la dimostrazione assoluta che il nostro partito, accusato di essere un partito di plastica, è invece un partito in carne e ossa".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari