sabato 10 dicembre | 20:01
pubblicato il 05/feb/2011 18:47

Berlusconi/ In 10mila al Palasharp ne hanno chiesto le dimissioni

Conclusa la manifestazione di LeG con intellettuali e artisti

Berlusconi/ In 10mila al Palasharp ne hanno chiesto le dimissioni

Milano, 5 feb. (askanews) - Si è conclusa con un grande applauso collettivo, poco dopo le 18.30, dopo oltre tre ore, la manifestazione "per esigere le dimissioni del presidente del Consiglio e liberarci del potere corrotto e corruttore di Silvio Berlusconi", organizzata al Palasharp di Milano dall'associazione Libertà e giustizia (Leg). Almeno 10mila, oltre novemila all'interno e circa un migliaio rimasti fuori dai cancelli, le persone che hanno seguito la kermesse alla quale sono intervenuti diversi e noti intellettuali, personaggi dello spettacolo, politici e sindacalisti. La platea e le tribune sono state occupate fin da un'ora prima delle 15, ora stabilita per l'inizio della manifestazione, da migliaia di cittadini, principalmente milanesi, di ogni età ed estrazione sociale, che hanno seguito con grande attenzione e partecipazione la dozzina di interventi che si sono susseguiti dal palco. Malgrado l'adesione delle principali sigle politiche dell'opposizione di sinistra, tra il pubblico si è vista sventolare solo qualche bandiera italiana, ma nessun simbolo di partito. Soddisfatti della "grande partecipazione" gli organizzatori dell'iniziativa. Aperta dalle vignette di Ellekappa proiettate su grande schermo, l'iniziativa ha preso il via con le parole del presidente di Leg, che ha spiegato che "oggi in Italia non c'è il fascismo ma c'è un regime". "Diranno che siamo un'elite - ha proseguito la Bonfanti - ma non è vero: siamo cittadini comuni, siamo l'Italia più informata, quella che non accetta ciò che accade e che si stringe attorno alla Costituzione". "Non chiediamo nulla per noi, ma chiediamo tutto per tutti, vogliamo voltare pagina, ci sarà un'onda che costringerà Berlusconi alle dimissioni anche se lui ora si chiude nel Palazzo, nelle sue ville, nelle sue serate oscene" ha concluso la Bonfanti, incalzata dal giurista Gustavo Zagrebelsky che ha chiesto che "cessi questo sistema di corruzione delle coscienze e di avvilimento della democrazia". "Ci rivolgiamo a maggioranza e opposizione . ha proseguito l'ex presidente della Corte Costituzionale - affinché raccolgano il malessere che sale sempre più forte da un Paese in cui il disgusto cresce nei confronti di chi e di come governa". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina