giovedì 23 febbraio | 18:01
pubblicato il 27/giu/2013 12:00

Berlusconi/ Idv parte civile su compravendita, Di Pietro no

Ok anche a Codacons. Stralcio per De Gregorio,avanti su Lavitola

Berlusconi/ Idv parte civile su compravendita, Di Pietro no

Napoli, 27 giu. (askanews) - Italia dei valori e Codacons sono state ammesse come parti civili al procedimento a carico dell'ex premier Berlusconi, dell'ex senatore De Gregorio e di Lavitola. Respinta invece la richiesta di Antonio Di Pietro che pure aveva chiesto di poter essere ammesso come parte civile sostenendo di aver subìto danni di immagine. Sulla sua richiesta, i pm avevano espresso parere sfavorevole. La decisione è del giudice Primavera del tribunale di Napoli che sovrintende l'udienza preliminare nata dall'inchiesta sulla presunta compravendita di senatori. Stralciata la posizione di Sergio De Gregorio che, assistito dall'avvocato Carlo Fabbozzo, ha depositato una richiesta di patteggiamento a un anno e otto mesi con la pena sospesa: il rinvio è per il 19 luglio. Intanto l'udienza prosegue per Lavitola, che è presente in aula, e per Berlusconi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Pd
Anche Orlando in corsa per le primarie Pd, domani l'annuncio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech