domenica 22 gennaio | 23:35
pubblicato il 16/mag/2014 14:18

Berlusconi: Ichino (Sc), complotto? Cav offende intelligenza ascoltatori

Berlusconi: Ichino (Sc), complotto? Cav offende intelligenza ascoltatori

(ASCA) - Roma, 16 mag 2014 - ''La pretesa di Silvio Berlusconi di presentare come effetto di un golpe la caduta del suo governo nell'autunno del 2011 fa toro all'intelligenza dei suoi ascoltatori''. E' questo il titolo di un editoriale del senatore di Scelta Civica, Pietro Ichino, pubblicato oggi sul suo sito. ''Si e' mai visto - scrive Ichino - un capo del governo spodestato con un colpo di Stato (trattamento che Silvio Berlusconi lamenta essergli stato riservato nel novembre 2011) che subito dopo vota la fiducia al nuovo capo del governo e continua a farlo per tutto l'anno successivo? E si e' mai visto quello stesso capo del governo spodestato stare e rimanere nello stesso partito (il PPE) di chi (Angela Merkel) e' da lui accusato di aver organizzato il colpo di Stato? Perche' nessuno pone queste domande all'ex-cavaliere quando, con una faccia tosta di cui lui solo e' capace, sostiene in televisione di essersi dovuto dimettere nel novembre 2011 a seguito di un golpe organizzato dal premier tedesco?''. Ma c'e' un'altra serie di domande, ancor piu' risolutive.

sottolinea Ichino, che gli andrebbero poste. ''Si ricorda l'ex-cavaliere che l'entrata nel sistema dell'euro frutto' all'Italia una riduzione degli interessi sul debito pubblico (allora aggirantesi intorno ai 1400 miliardi di euro) di circa 9 punti percentuali, il cosiddetto 'dividendo dell'euro', per un importo annuo risparmiato di oltre 100 miliardi? - prosegue Ichino -. E si ricorda che il patto con gli altri Paesi era nel senso che l'Italia avrebbe utilizzato almeno meta' del ''dividendo dell'euro'' per ridurre il proprio debito pubblico? Ha fatto il conto della riduzione del debito che avremmo potuto conseguire rispettando quell'impegno? E come giustifica che, invece, tra il 2001 e il 2011 la spesa pubblica corrente sia aumentata di 206 miliardi annui, il prelievo fiscale imposto ogni anno agli italiani di 176 miliardi, e il debito italiano di 600 miliardi? Non sembra all'ex-cavaliere che questi dati bastino e avanzino, senza bisogno di pensare a complotti, per spiegare l'impennata dello spread nell'autunno 2011, il conseguente rischio di bancarotta dello Stato e le dimissioni ingloriose del suo governo, totalmente incapace di far fronte a quella drammatica emergenza?'', conclude Ichino. com-njb/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4