martedì 17 gennaio | 12:54
pubblicato il 05/mag/2014 12:00

Berlusconi: Grillo come Robespierre, pericolo bagno di sangue

"Più setta che partito, chi parla contro di lui viene espulso"

Berlusconi: Grillo come Robespierre, pericolo bagno di sangue

Roma, 5 mag. (askanews) - "Grillo mi fa molta paura, da studioso della storia": lo ha detto Silvio Berlusconi in una intervista a Studio aperto. "Ci sono tanti personaggi - ha aggiunto il leader di Forza Italia - io l'ho paragonato a Robespierre, che promettevano un grande cambiamento, la Gerusalemmne celeste in Terra, poi una volta al potere hanno distrutto quelli che c'erano prima e inflitto un bagno di sangue alla popolazione". "Guardi, se nel partito di Grillo, che forse sarebbe meglio definire una setta, qualcuno fa una dichiarazione diversa da quello che dice lui, viene immediatamente espulso", ha sottolineato l'ex premier, ricordando che le radici del Partito democratico affondano "nel Partito comunista, e loro non hanno mai negato le loro origini storiche, ma - ha concluso - considero un pericolo maggiore Grillo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Auto, nel 2016 vendite in Europa +6,5% oltre i 15 milioni
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Spazio, è morto Eugene Cernan: ultimo uomo a camminare sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate