mercoledì 22 febbraio | 19:50
pubblicato il 28/giu/2013 12:00

Berlusconi/ Gasparri: Se interdetto, dimissioni Pdl da Parlamento

"Via in 200, sarebbe follia democratica se non ottenessimo urne"

Berlusconi/ Gasparri: Se interdetto, dimissioni Pdl da Parlamento

Roma, 28 giu. (askanews) - Maurizio Gasparri (Pdl), vicepresidente del Senato, è tornato a minacciare dimissioni in massa dei parlamentari del Pdl se venisse confermata la condanna all'interdizione dai pubblici uffici nei confronti del leader del partito, Silvio Berlusconi. "La mia proposta - ha spiegato in un'intervista a La Zanzara su Radio 24 - resta: dimissioni in massa dei parlamentari se ci sarà un provvedimento di interdizione. Quelli che subentrano devono dimettersi pure loro". "Ma secondo voi - ha proseguito l'esponente azzurro - dopo una cosa del genere i politici del centrodestra vanno in Parlamento a discutere di leggi? E poi le dimissioni sono previste dalle norme". Secondo Gasparri "si tratta di un atto di pacifica contestazione democratica per ottenere le elezioni. Con duecento non si potrebbe far finta di niente, saremmo in una follia democratica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech