venerdì 20 gennaio | 05:45
pubblicato il 07/ago/2013 09:02

Berlusconi: Epifani, deve fare un passo indietro

Berlusconi: Epifani, deve fare un passo indietro

(ASCA) - Roma, 7 ago - ''Non vedo altra possibilita' che prendere atto della sentenza e degli effetti che produce, non ci sono strade ed e' anche sbagliato cercarle. Le sentenze vanno rispettate ed eseguite. Tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge, per quanto possa essere dura. In qualsiasi ordinamento democratico il principio di legalita' non puo' mai essere discusso''. Lo ha ribadito, in un'intervista al Corriere della Sera, il segretario del Pd, Guglielmo Epifani, tornato a parlare della condanna nei confronti dell'ex premier, Silvio Berlusconi. Berlusconi che dovrebbe fare un passo indietro perche' ''e' quello che e' giusto fare e che avviene normalmente''. Quanto ai rischi per l'esecutivo, Epifani ha sottolineato che ''il principio di legalita' in uno stato democratico viene prima di qualsiasi valutazione politica. E' il fondamento. Se annulliamo legittimita' e legalita' non c'e' piu' nessun caposaldo, per questo bisogna avere una linea rispettosa ma anche molto ferma. Io non vedo altre strade''. Porte chiuse, dunque, ad un salvacondotto: ''Adesso stiamo parlando del tema in se', le conseguenze di carattere sanzionatorio della sentenza e su questo terreno non c'e' via di uscita. E' chiaro che siamo di fronte a un fatto enorme, pero' guardiamo anche cosa succede negli altri Paesi. E poi - ha argomentato Epifani - la stragrande maggioranza della opinione pubblica e degli elettori del Pd chiedono che Letta vada avanti, ritengono che vengano prima gli interessi del Paese che quelli di una parte o di un singolo''. Nella lunga intervista al Corriere della Sera, Epifani ha affrontato anche la questione governo rimarcando come questo abbia ''le mani legate dal peso del debito, dalle scelte dell'Europa che non si smuovono da una linea di austerita' e dalla eredita' del governo di centrodestra, che ha assunto il fiscal compact e l'obiettivo del 3 per cento nel rapporto deficit pil''. Ad ogni modo ''se si ragiona entro questo limite le cose che il governo sta facendo, con poche risorse, sono tutte buone. Piccole cose, intendiamoci. Ma dopo anni di tagli, il provvedimento su cultura e spettacolo e' un'inversione di tendenza. Ora dobbiamo chiedere uno sforzo ancor piu' grande per dare impulso all'occupazione e agli investimenti'', ha spiegato Epifani che vede due priorita' ''il conflitto di interessi e la legge elettorale. Da settembre avanti tutta''. brm/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale