giovedì 23 febbraio | 02:49
pubblicato il 14/apr/2011 17:44

Berlusconi e la successione: Mai detto che tocchi ad Alfano

Malumori Lega dopo indiscrezioni da cena con stampa estera

Berlusconi e la successione: Mai detto che tocchi ad Alfano

Roma, 14 apr. (askanews) - La notizia è di quelle che segnerebbero la fine di una fase storica: Silvio Berlusconi non avrebbe intenzione di ricandidarsi come premier alle prossime elezioni, favorendo invece l'ascesa di Angelino Alfano. Notizia tale da meritare un posto in prima pagina su un quotidiano come il Wall Street Journal, ma tale anche da suscitare agitazione in tutto il centrodestra e nella Lega in particolare, la cui reazione sarebbe stata immediata. Tanto che già ieri sera sono arrivate le prime smentite, da parte del coordinatore Pdl Denis Verdini e del portavoce di Berlusconi, Paolo Bonaiuti. A scanso di equivoci, oggi lo stesso premier avrebbe rettificato: "Mai detto che Alfano è il successore: è una persona capace, ma decide il partito perché il Pdl è un partito democratico". E lo stesso Alfano si defila: "Sono convinto che il presente di Berlusconi sarà ancora molto lungo e che ogni discussione che riguardi il futuro è assolutamente prematura". Tutto nasce dalla cena con i corrispondenti della stampa estera di lunedì sera. Conversazione che sarebbe dovuta rimanere riservata, "off the record", come si dice in gergo. Ma qualcosa trapela: "Se servirò come 'padre nobile' per le elezioni, lo farò", avrebbe detto Berlusconi. "Potrei essere il capolista del mio partito, ma non voglio nessun ruolo operativo". Meglio puntare su un giovane candidato premier, avrebbe spiegato Berlusconi, indicando il gettonatissimo ministro della Giustizia Angelino Alfano. Nome però che non sarebbe gradito al principale alleato della Lega: troppo a sud l'origine anagrafica del 'delfino' (il Guardasigilli è siciliano) e troppo "garantista" per gli slogan elettorali del Carroccio. Ma soprattutto Umberto Bossi punta su Giulio Tremonti come futuro leader, o magari direttamente su un leghista 'istituzionale' come Bobo Maroni. Concetti che il leader leghista avrebbe espresso direttamente, via telefono, allo stesso Berlusconi. Sia come sia, dopo le precisazioni di ieri sera di Verdini e Bonaiuti e l'ulteriore nota del portavoce del premier rilasciata questa mattina ("Solo ipotesi forzate dalla stampa"), nel pomeriggio arriva la precisazione dello stesso Berlusconi. Nel vertice di maggioranza a palazzo Grazioli avrebbe infatti chiarito, riferiscono i presenti, che appunto Alfano non è il successore designato e che sarà il partito a decidere. Anche perchè, avrebbe chiosato Berlusconi, "sarebbe il massimo che oltre a tutto ciò che mi attribuiscono, mi prendessi anche la colpa su chi verrà dopo di me". Rea 141741 APR 11

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech