martedì 28 febbraio | 14:13
pubblicato il 03/set/2011 19:54

Berlusconi e il settembre nero, Alfano lo blinda e Lega lo gela

Segretario: Lui premier nel 2013. Ma Calderoli: Pensa a crisi

Berlusconi e il settembre nero, Alfano lo blinda e Lega lo gela

Roma, 3 set. (askanews) - Prendi il caso Tarantini e le intercettazioni che tanto clamore hanno suscitato anche oltre confine, ma anche il preoccupante lunedì dei mercati che seguirà un venerdì nerissimo. Senza contare i prossimi voti parlamentari, da quello su Marco Milanese alla manovra economica. Tutto considerato, il settembre nero di Silvio Berlusconi esige quantomeno che la prima fila berlusconiana scenda in campo compatta a difesa dell'unico leader. Tocca dunque al segretario Angelino Alfano pronunciare nel corso di due appuntamenti pubblici parole inequivoche che mirano a puntellare il Cavaliere: nel 2013 sarà ancora Silvio a correre per Palazzo Chigi. Da Summonte a Labro, il concetto resta lo stesso e prevede una vittima sacrificale, le Primarie per la premiership: "Conosco molto bene il presidente del Consiglio - ha scandito Alfano - e questa coalizione vive della sua leadership. Se mi si chiede se nel 2013 sarà nuovamente candidato premier, io rispondo sì. Il Pdl non ha bisogno di una consultazione popolare per conoscere chi è il leader. Mi sembrerebbe un sacrificio organizzativo inutile". Dal partito nessuna voce contesta la linea Alfano, anzi è un coro di approvazione per il segretario. Non è però un mistero che - ad esempio - un big del calibro di Roberto Formigoni aspiri da tempo a correre per la guida della coalizione e reclami incessantemente Primarie in vista del 2013. Se nel Pdl nessuno pronuncia parole stonate, dalla Lega arriva un brusco stop. Tocca a Roberto Calderoli gelare il premier e il segretario pidiellino: "Resto stupefatto da certe dichiarazioni. Mi sembra che abbiamo altri problemi da qui al 2013. Pensiamo alla crisi, alla ripresa, allo sviluppo. Se lo facciamo, da qui al 2013, allora potremo arrivare al 2013. Altrimenti così neanche ci arriviamo, al 2013". Dall'opposizione, infine, Pier Luigi Bersani dà voce al malcontento antiberlusconiano: la candidatura del Cavaliere nel 2013 è una "fantasticheria", segno che il Pdl è "sull'orlo dell'abisso", "sarà meglio che ci confrontiamo su quello che abbiamo davanti nelle prossime settimane".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Vitalizi
M5s: Boldrini calendarizza nostra proposta su pensioni deputati
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech